Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Tredici studenti condannati a 109 anni di carcere

Tredici studenti dell’Università Cumhuriyet sono stati condannati ad un totale di 109 anni e sei mesi di carcere con l’accusa di appartenere ad un’organizzazione illegale e di diffonderne propaganda.

Gli studenti erano stati tratti in custodia nell’ambito di una cosiddetta operazione KCK (Unione delle Comunità Kurde) il 27 Marzo 2012 in provincia di Sivas. Cinque erano stati rilasciati ed altri otto inviati in carcere in seguito all’operazione che aveva colpito gli studenti kurdi.

Dopo la lettura dei capi d’accusa presso la Terza Alta Corte Penale di Malatya, la direzione del tribunale ha condannato oggi otto studenti, quelli che erano stati trattenuti in custodia, a nove anni di carcere ciascuno e gli altri cinque a sette anni e mezzo di carcere ciascuno.

Il tribunale ha anche condannato un altro studente, che sarebbe un presunto informatore processato nello stesso caso, a sei anni e tre mesi di carcere con l’accusa di appartenenza ad un’organizzazione illegale.

ANF Sivas

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...