Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Appelli

Kongreya Star: Çiçek Kobanê deve essere immediatamente liberata!

La confederazione di donne Kongreya Star ha condannato con forza la cattura della combattente YPJ Çiçek Kobanê e chiede la sua immediata liberazione. Nei video diffusi dai suoi sequestratori islamisti viene annunciata la sua esecuzione.Il Coordinamento Rojava della confederazione di donne curda Kongreya Star si è rivolta all’opinione pubblica con una dichiarazione sulla cattura della combattente delle YPJ Çiçek Kobanê da parte di islamisti in Siria del nord. Si presume che la combattente nel villaggio di Mişrefa presso Ain Issa, il 21 ottobre ferita, sia caduta nella prigionia della milizia jihadista Ahrar al-Sham / Battaglione Darat Izza (Dar Taizzah) che al fianco del partner NATO Turchia e del suo cosiddetto „Esercito Nazionale Siriano“ prende parte all’invasione del Rojava in violazione del legalità internazionale. Nei social media sono comparti video della cattura di Çiçek Kobanê nei quali viene annunciata l’esecuzione della combattente. Il Kongreya Star chiede un’immediata presa di posizione del governo turco.

Nella dichiarazione si afferma: „È noto che la guerra di occupazione dello Stato turco e delle sue milizie è rivolta contro tutti i popoli della Siria del nord e dell’est. Nonostante il cessate il fuoco deciso, continuano gli attacchi. Insieme a questi violenti attacchi, in nome della „Operazione Fonte di Pace“ vengono commessi crimini di guerra rivolti contro civili e bambini. Inoltre lo Stato turco nei suoi brutali attacchi usa armi chimiche come il fosforo, commette crimini contro l’umanità e viola qualsiasi norma del diritto internazionale. I crimini di guerra dello Stato turco e dei suoi alleati rappresentano una seria minaccia per l’intera umanità.

Attualmente la combattente YPJ Çiçek Kobanê, ferita a una gamba, si trova nella prigionia di milizie legate alla Turchia. Questo dato di fatto rappresenta una grande minaccia per la sua vita e la violazione dei suoi diritti umani. Che in Rojava vengono commesse violazioni dei diritti umani e crimini di guerra da parte di alleati islamisti della Turchia, si è saputo anche recentemente con lo scempio fatto del cadavere della combattente YPJ Amara Rênas e l’esecuzione della segretaria generale del Partito del Futuro della Siria, Hevrîn Xelef.

Per questo tutte le forze internazionali e l’opinione pubblica mondiale devono fermare al più presto la guerra condotta da Erdoğan e dalle sue milizie e prendere tutte le misure necessarie per chiarire i crimini di guerra commessi. La combattente YPJ Çiçek Kobanê deve essere immediatamente liberate dalle bande brutali. Come Kongreya Star facciamo appello a prendere tutte le misure necessarie per impedire queste azioni sporche e crudeli. Il governo Erdoğan deve pronunciarsi sulla situazione di Çiçek Kobanê. Perché nei video che sono stati ripresi e diffusi dai suoi sequestratori, gli jihadisti annunciano di giustiziare Çiçek Kobanê.

Come Kongreya Star condanniamo gli attacchi disumani dello Stato turco e delle sue milizie nel modo più duro e invitiamo la popolazione a continuare la resistenza per la difesa della propria dignità.“

Fonte: ANF

2 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...

Kurdistan

Il CPT ha affermato che almeno 9 villaggi sono stati completamente svuotati dagli attacchi turchi contro il Kurdistan meridionale. La ONG Community Peacemakers Teams...

Diritti umani

Sottolineando che almeno 30 donne sono state uccise nella regione federata del Kurdistan in 6 mesi, l’esponente del RJAK Ronak Majid ha affermato: “Le...