Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 luglio 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

CEDU: Sentenza turca lede la libertà di opinione

CEDU: Sentenza turca lede la libertà di opinione

9 luglio 2019


La Corte Europea die Diritti Umani ha condannato la Turchia per lesione del diritto alla libertà di espressione. Il ricorso è stato presentato dal politico curdo Selahattin Demirtaş.La Corte Europea per i Diritti Umani (CEDU) ha condannato la Turchia per lesione del diritto alla libertà di espressione. Ha avuto successo il ricorso del politico curdo Selahattin Demirtaş che nel luglio 2005, come allora presidente della sede dell’associazione per i diritti umani IHD a Amed (Diyarbakir) aveva partecipato a una trasmissione dell’emittente curda Roj TV e quindi era stato condannato con la condizionale per „propaganda terroristica”.

La corte di Strasburgo ha condannato la Turchia sulla base dell’articolo dieci della Convenzione Europea sui Diritti Umani. Nella trasmissione Demirtaş si era pronunciato sul divieto di visita al precursore curdo Abdullah Öcalan sull’isola carcere di Imrali e sul suo ruolo nella soluzione della questione curda. I giudici di Strasburgo hanno considerato provato che la Turchia ha violato il diritto alla libertà di espressione e per questo hanno condannato Ankara al pagamento di un risarcimento pari a 2000 Euro per Demirtaş. Le spese processuali e quelle del ricorrente sono a carico della Turchia.

Il 46enne avvocato per i diritti umani e ex co-Presidente dell‘HDP (Partito Democratico die Popoli) Selahattin Demirtaş il 4 novembre 2016 è stato fermato insieme a molti altri iscritti al suo partito e successivamente messo agli arresti. Da allora si trova nel carcere di massima sicurezza di Edirne.

Fonte: ANF


Inserisci un commento