Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Rapporto provvisorio dell’İHD sulle violazioni nelle elezioni locali del 31 marzo 2024

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le elezioni parlamentari, le elezioni locali e i referendum svoltisi in Turchia sin dalla sua fondazione nel 1986, rilasciando dichiarazioni e scrivendo rapporti sui loro risultati, e lo scambio di opinioni su tali questioni con l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e il Dipartimento per la democrazia e i diritti umani dell’OSCE.

Il Rapporto sulla missione di osservazione elettorale dell’Ufficio OSCE per le istituzioni democratiche e i diritti umani, che incorpora i risultati dell’osservazione delle 25 elezioni parlamentari tenutesi il 7 giugno 2015, afferma specificamente che non vi erano disposizioni specifiche nella legge turca per l’osservazione da parte di operatori nazionali e internazionali. osservatori della società civile e ciò non era in linea con il Documento di Copenaghen dell’OSCE del 1990.

Consentire agli osservatori elettorali civili indipendenti di osservare le elezioni in termini di esercizio del diritto di voto e di eleggibilità come regolato dalla Convenzione europea sui diritti dell’uomo e dai suoi protocolli allegati, dal Patto internazionale delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici e da altre norme internazionali convenzioni e patti di cui la Turchia è parte, il 20 marzo 2024 abbiamo presentato domanda al Consiglio supremo elettorale per osservare le elezioni locali che si terranno il 31 marzo 2024 con un totale di 300 osservatori costituiti da nostri membri e dirigenti assegnati dalla nostra associazione in 22 città.

Come in ogni mandato elettorale, gli elenchi dei nomi dei nostri membri che sarebbero stati osservatori elettorali indipendenti sono stati notificati alle commissioni elettorali provinciali e distrettuali di 22 città, ed è stata avanzata la richiesta di fornire l’assistenza necessaria a questi osservatori elettorali indipendenti nelle elezioni locali. trasportato.

Il 31 marzo 2024, all’inizio delle votazioni, gli osservatori elettorali indipendenti assegnati dalla nostra associazione in 22 province si sono recati ai seggi elettorali per monitorare lo svolgimento delle votazioni con badge nominativi e documenti di identificazione. Le violazioni dei diritti desunte dalle informazioni fornite dagli osservatori elettorali indipendenti e dalle notizie riportate dalla stampa fino alle ore 14 circa, quando era in corso la votazione, sono le seguenti:

  • Si è appreso che le forze di sicurezza non hanno accolto il gruppo di osservatori di 8 persone assegnato al centro di Siirt; il gruppo di osservatori composto da 7 persone assegnato ad Ağrı; il gruppo di osservatori indipendenti composto da 5 persone assegnato a Hakkari, Yüksekova; il gruppo di osservatori indipendenti composto da 14 persone assegnato a Mersin; e il gruppo di osservatori indipendenti composto da 46 persone assegnato a Van per osservare le elezioni in alcune scuole. Le forze di sicurezza hanno comunicato che alle delegazioni dell’IHD a Van è stato impedito di osservare le elezioni per decisione dell’ufficio del governatore di Van.
  • Siamo stati informati che nei distretti di Dargeçit e Savur di Mardin, nel distretto di Kulp di Diyarbakır, nel distretto di Yüksekova di Hakkari, nel centro di Dersim e nel distretto di Nazımiye, nel centro di Şırnak, Kars, Ağrı e Iğdır, agenti di polizia e soldati sono stati portati in massa nelle scuole con minibus , autobus e veicoli blindati e hanno votato con le loro uniformi e alcuni con le armi; in alcune urne elettorali in cui sono state registrate le forze di sicurezza, i cittadini civili non sono stati registrati come elettori.
  • Si sostiene che, come in ogni elezione, in alcuni distretti e villaggi di Urfa, soprattutto nel centro di Urfa, sia stata utilizzata la votazione di massa e aperta, e che alcuni elettori abbiano condiviso le schede elettorali sui loro account sui social media e abbiano ricevuto denaro per la condivisione. .
  • A Bursa, Yusuf Yiğit, colpito dai figli di suo zio E.Y. (36) e M.Y. in una festa organizzata nel distretto Mustafakemalpaşa di Bursa a causa dell’accusa di aver sostenuto il candidato mukhtar che non era un suo parente alle elezioni locali, ha perso la vita e 2 persone, tra cui un bambino di 3 anni, sono rimasti feriti.
  • Nel distretto Halfeti di Urfa, alle 05:00 del mattino, un gruppo di uomini armati ha circondato la scuola elementare Hilalli, ha portato fuori gli osservatori dalla scuola e ha tenuto una votazione di massa.
  • Nel distretto di Halfeti di Urfa, il sindaco di Halfeti e candidato dell’AKP Şeref Albayrak e 100 persone con lui hanno tentato di votare insieme in una scuola secondaria nel quartiere rurale di Talikan (Özmüş).
  • Nel distretto di Ceylanpınar a Urfa, è stato affermato che le persone che hanno votato per l’AKP in cambio di denaro hanno condiviso le foto delle loro schede elettorali in un gruppo WhatsApp da loro creato.
  • Nel distretto Sur di Diyarbakır, una persona è stata uccisa e 11 persone sono rimaste ferite in uno scontro tra due gruppi nel quartiere di Ağaçlıdere a causa di una rissa per l’elezione del mukhtar.
  • Nel distretto Sur di Diyarbakır, i giornalisti che si erano recati nel quartiere rurale di Ağaçlı per seguire una rissa per le elezioni del Mukhtar sono stati attaccati da uomini armati. I team dell’agenzia Anadolu, della Demirören News Agency e dell’İhlas News Agency hanno dovuto affrontare una seria minaccia alla loro vita dopo l’attacco.
  • Nel distretto Sur di Diyarbakır, il rappresentante del seggio elettorale del partito DEM Emin Çelik è stato ucciso e 12 persone, 2 delle quali gravemente, sono rimaste ferite in un attacco armato durante il processo di voto nel quartiere rurale di Çirnik.
  • Nel distretto di Çınar a Diyarbakır, è stato riferito che il candidato dell’AKP ha concluso un accordo per 2 milioni di TL per un totale di 1.200 voti in 4 villaggi, e che è stato firmato un contratto tra loro e i mukhtar.
  • A Şırnak, i deputati e gli osservatori del partito DEM hanno reagito alla situazione affermando che presso la scuola elementare del maggiore generale Ömer Keçecigil sono stati registrati 5.950 elettori e tra loro non c’era un solo civile.
  • Nel distretto di Cizre di Şırnak è scoppiata una tensione di breve durata dopo che il candidato dell’AKP ha attaccato il partecipante alle elezioni del partito İYİ.
  • A Izmir una persona con un’invalidità del 92% è stata assegnata a un’urna elettorale al 3° piano, un’altra persona non è stata registrata nell’urna elettorale nonostante fosse stata informata.

  • A Smirne, nell’urna n. 1007 della scuola secondaria Ali Şir Nevai, una persona con difficoltà motorie è stata assegnata al 2° piano, e nella stessa urna elettorale una persona di 82 anni è stata assegnata al 2° piano.
  • Nel distretto di Çankaya di Ankara, il materiale della campagna elettorale del partito İYİ è stato trovato davanti alla scuola elementare Turhan Feyzioğlu.
  • Nel distretto di Çelikhan di Adıyaman, è stato affermato che un funzionario (M.Y.) ha votato due volte nella città di Pınarbaşı.
  • Nel centro di Muş, è stato riferito che una donna che indossava un burqa nero ha votato tre volte in diverse urne elettorali presso la scuola elementare Mehmet Akif Ersoy n. 1108.

L’İHD invita le presidenze del Consiglio elettorale supremo e i Consigli elettorali provinciali e distrettuali:

  • Porre fine immediatamente agli ostacoli contro i 300 volontari dell’Associazione per i diritti umani in 22 province per osservare elezioni indipendenti; garantire la sicurezza dei membri dell’İHD che sono osservatori elettorali indipendenti e facilitarne l’osservazione;

  • Avviare indagini efficaci su individui e gruppi che mettono a repentaglio la sicurezza elettorale;

  • Condurre le indagini necessarie sulle accuse di irregolarità elettorali identificate dall’İHD sopra e adottare le misure necessarie;

  • Garantire la sicurezza degli operatori della stampa che operano per garantire ai cittadini notizie precise e aggiornate;

  • Prendere le misure necessarie contro l’ostruzione e gli attacchi contro i candidati sindaco, avvocati autorizzati a presentare obiezioni per conto di partiti politici e funzionari di partiti politici.

Associazione dei diritti umani  31 marzo 2024

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...