Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 25 settembre 2018

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

La guerra globale in Siria e l’importanza di Afrin

La guerra globale in Siria e l’importanza di Afrin

12 marzo 2018


Negli ultimi sette anni della guerra civile siriana, i curdi, insieme ad altri gruppi etnici hanno combattuto con successo contro vari gruppi islamisti. Sia Isis o Al-Nusra, militari per procura di Stati come Turchia e Arabia Saudita, non hanno potuto prendere piede in Siria nonostante le varie forme di sostengo dei loro padroni. Ora cala il sipario ed i loro stati sostenitori intervengono.

Uno schema approssimativo degli ultimi sette anni a riguardo degli attori della guerra e delle loro opzioni di soluzione per la Siria: sono attualmente attive in Siria unità militari di oltre 65 stati. Alcuni con le proprie truppe, come gli Stati Uniti o la Turchia, gli altri con i loro servizi segreti o con singoli consiglieri militari. La coalizione anti-ISIS guidata dagli Stati Uniti da sola comprende 67 stati, insieme a Russia e Iran. Laddove il blocco occidentale sosteneva i gruppi sunniti-islamici, il blocco attorno alla Russia sostiene lo stato centrale arabo-nazionalista di Assad.

ll terzo blocco: nel nord della Siria, le popolazioni hanno costruito una democrazia di consigli senza gerarchia basata sull’uguaglianza di genere, in cui tutte le identità etniche, religiose, confessionali o di altro tipo partecipano all’autogoverno della società. Dopo la Comune di Parigi, l’inizio della Rivoluzione d’Ottobre o la fase della guerra civile spagnola, le popolazioni della Siria settentrionale sono riuscite a costruire una democrazia sociale diretta con in essa il ruolo centrale delle donne. L’opportunità storica si trova davanti alla comunità globale per rimodellare la Siria per quanto riguarda il Medio Oriente attraverso l’auto legittimazione e l’autodeterminazione del popolo. Richiede la volontà di sfruttare questa opportunità. Questa, tuttavia, non sembra essere quella dei governanti, ma spetta alle popolazioni e ai gruppi e alle organizzazioni indipendenti della società civile in tutto il mondo imporne il rispetto.

In sintesi: la Siria è in guerra e tre attori e tre possibili soluzioni sono pronti per il futuro: una teocrazia islamica, uno stato centrale nazionalista arabo o una democrazia pluralistica e decentrata dei popoli che corrisponde al mosaico mediorientale.

L’attacco anti internazionale e razzista dell’Esercito Nato della Turchia ad Afrin e il sostegno degli Stati del mondo

Ora, da oltre 50 giorni, l’esercito razzista turco armato di armi e tecnologia occidentali attacca il piccolo cantone di Afrin. Le ragioni di questo attacco da parte del regime dell’AKP per sono dovute a ragioni di politica interna ed estera. Non vuole tollerare una democrazia dei consigli in cui i curdi vivono collettivamente a parità di condizioni come l’oppressore di 20 milioni di curdi nel loro stesso stato. Attraverso la criminalizzazione occidentale del movimento di liberazione curdo, la Turchia si sente in grado di definire e attaccare tutta l’autodeterminazione curda definendola “terrorismo”. Un’altra ragione interna è il sentimento nazionalista che aiuterà l’AKP a vincere tutte le elezioni importanti del prossimo anno in modo da poter pienamente istituzionalizzare il suo fascismo islamista turco.

L’obiettivo della politica estera dell’AKP è quello di annientare tutto il nord della Siria, l’autogoverno locale ed effettuare una pulizia etnica per stabilire successivamente islamisti arabi conformi alla Turchia al fine di distruggere l’autodeterminazione del popolo curdo assicurandosi l’influenza ottomana motivata in Siria. Quindi qui abbiamo a che fare con una politica razzista e colonialista della Turchia che ignora anche tutti gli accordi, le leggi e gli standard internazionali. Sta perseguendo apertamente l’obiettivo della pulizia etnica, almeno di un genocidio culturale – e la comunità internazionale li sostiene! Come? La Russia apre lo spazio aereo per i bombardamenti aerei, la Germania equipaggia le armi e persegue il movimento curdo attraverso la repressione e la criminalizzazione, nonché una corrispondente politica mediatica, il governo federale è un alleato dell’islamista AKP turco. Gli Stati Uniti e l’UE autorizzano la Turchia, perché la Siria è già stata divisa dietro le tende nell’est e nell’ovest dell’Eufrate.

Sia a Ginevra, Sochi, Astana o in segreto, i potenti stati si incontrano e negoziano sul popolo curdo, sulla rivoluzione del Rojava. Per loro, il popolo e le sue conquiste storiche non sono altro che potere contrattuale, oggetto della politica corrotta degli interessi. Non è il loro il caso di coinvolgere i rappresentanti dell’autogoverno nelle discussioni. Il semplice fatto che la Federazione della Siria del Nord sia esclusa da tutti i colloqui e che l’attacco ad Afrin sia sostenuto da tutti, direttamente o indirettamente, dimostra la sovranità e l’indipendenza lì dell’ordine politico.

Le Nazioni Unite ignorano i crimini della Turchia e dipingono le loro cosiddette critiche con frasi standard. Invece di introdurre meccanismi di sanzione esistenti, tollerano la guerra di aggressione che viola la legge internazionale e gli obiettivi di genocidio della Turchia per la purificazione di un’intera regione. Le altre cosiddette organizzazioni non governative dipendenti dalle risorse statali si comportano allo stesso modo.

Per riassumere, la rivoluzione femminista e la democratizzazione di base nella Siria settentrionale e ad Afrin hanno, oltre all’ampio sostegno delle persone in tutto il mondo, solo potenti stati oppositori. Questi stati, che traggono la loro ragion d’essere facendo riferimento alla democrazia e ai diritti umani sono molto ostili e ipocriti nei confronti della democrazia e dei diritti umani nel nord della Siria. Inoltre, lo fanno attraverso la tolleranza e il sostegno di forze e attori antidemocratici come la Turchia, al Qaeda e al-Nusra.

È importante porre fine a questo stato insopportabile e soggetto a crisi, e questo è possibile solo attraverso un ampio movimento di protesta che denunci il tradimento della comunità internazionale dei valori umani e democratici. Non può essere questo agli occhi del mondo, un esercito islamista e razzista in Turchia sta conducendo una guerra sproporzionata contro una regione che è diventata un raggio di speranza per la Siria. Nei media descrivono l’attacco della Turchia come se una guerra simmetrica si svolgesse tra parti in conflitto di pari livello. Ma la verità è che una piccola regione con un vigilanza di poche migliaia di combattenti viene attaccata dal secondo esercito della NATO con tutte le armi immaginabili,dall’aria e da tutti i lati. È come guardare un’orda di iene attaccare una gazzella pacifica armata solo con le proprie corna. Dobbiamo ricordare che non viviamo né nel Medioevo, dove era valida la legge del più forte valida, né che siamo esseri senza ragione e moralità.

La sopravvivenza della struttura socio-politica di Afrin, la nostra solidarietà per loro, la nostra protesta contro la Turchia e la politica della comunità internazionale, il successo ad Afrin non solo garantiranno la loro esistenza, ma danneggeranno seriamente anche il declino morale della politica degli interessi dello stato Le persone e le società non sono oggett degli stati e dei governanti! Ad Afrin la democrazia sta attualmente combattendo contro il centralismo nazionalista-sciovinista e islamista dello stato! Usiamo le azioni di protesta democratica per aiutare Afrin e per riuscire a mettere il nostro futuro sulla strada giusta.

     RAMAZAN MENDANLIOĞLU

Inserisci un commento