Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Prendere posizione contro gli attacchi genocidi!

Il 15 giugno 2022 lo stato turco ha bombardato numerose volte il Consiglio popolare di Sinunê, che appartiene all’amministrazione autonoma democratica di Şengal [Sinjar]. In questo attacco genocida, Saleh Xidir Naso, 12 anni, è caduto come martire.

Inoltre, sette cittadini ezidi sono rimasti feriti, tra cui operatori dei media e bambini. Ricordiamo con rispetto Saleh Xidir Naso, caduto come martire in questo disumano attacco genocida, ed esprimiamo le nostre condoglianze alla sua famiglia e alla società ezida.

L’occupazione e gli attacchi genocidi perpetrati dallo stato turco genocida in Kurdistan e nell’intero Medio Oriente hanno portato oggi il regime di Erdogan sull’orlo del collasso. Per espandere la sua egemonia e le politiche colonialiste e stabilire uno stato neo-ottomano, lo stato turco continua ovunque con i suoi attacchi contro il nostro popolo.

È noto che in questo contesto lo Stato turco persegue il piano di occupazione del Kurdistan meridionale, tra cui Mosul e Kirkuk. Soprattutto con l’aiuto del KDP che collabora, lo stato turco sta cercando di estendere la sua influenza in Iraq in profondità, realizzando così passo dopo passo i suoi piani di occupazione. Contro l’occupazione del Kurdistan, i guerriglieri del PKK oppongono una resistenza eroica. Questa resistenza ha nel frattempo spezzato la forza di volontà dello stato turco. In risposta quest’ultimo sta usando armi chimiche contro i guerriglieri.

Nonostante tutti i metodi disumani da esso utilizzati, lo stato turco non ha raggiunto gli obiettivi desiderati nemmeno con l’aiuto del KDP. I suoi piani di occupazione gli sono rimasti bloccati in gola a causa dei pesanti colpi della guerriglia. Oggi lo stato turco genocida si trova in una situazione disperata nei confronti dei guerriglieri della libertà. Di recente ha intensificato ancora una volta i suoi attacchi genocidi su tutte le aree di libertà. Mentre usa armi chimiche contro i guerriglieri, allo stesso tempo sta bombardando il nostro popolo curdo del sud. Sta bombardando le aree residenziali del campo profughi di Mexmûr, che è sotto la protezione delle Nazioni Unite e dell’Iraq, e uccidendo i suoi residenti.

Allo stesso tempo, sta uccidendo il nostro popolo ezida e i suoi figli, sopravvissuto a un genocidio soltanto pochi anni fa. Lo stato turco ha pubblicamente dichiarato la sua intenzione di occupare il Rojava e sta uccidendo civili indifesi nelle loro case. Il leader fascista Erdogan continua i suoi attacchi genocidi mentre le forze responsabili nella regione rimangono in silenzio. L’ultimo massacro che è il risultato di questo silenzio è avvenuto ora nel centro di Sinunê a Şengal.

La regione di Şengal è sotto la responsabilità dell’Iraq. Il governo di Mustafa Kazimi sottolinea in ogni occasione la necessità di una Şengal sicura e stabile. Tuttavia, è degno di nota che questo governo taccia di fronte agli attacchi dello stato turco, che uccidono cittadini ezidi dell’Iraq.

Questo silenzio non significa altro che l’approvazione degli attacchi. Il fatto che il governo Kazimi non prenda alcuna posizione contro questi gravi attacchi alla sovranità dell’Iraq e alla sicurezza dei cittadini iracheni è in linea con la sua posizione sugli attacchi di occupazione dello Stato turco al Kurdistan meridionale. Questo silenzio porta solo a rafforzare lo stato turco occupante. Come movimento, conosciamo molto bene il colonialismo turco sia storicamente che politicamente. Lo stato turco occupante persegue una politica di sogni neo-ottomani per frammentare e annettere il territorio iracheno. Il silenzio del governo Kazimi sull’occupazione del suolo iracheno e sull’assassinio di cittadini iracheni non fa che rafforzare lo Stato turco.

Chiediamo quindi alle forze politiche e sociali irachene di prendere posizione contro questi attacchi, di mettere in moto meccanismi nazionali e internazionali per fermare gli attacchi dello stato turco e quindi contrastare i piani di occupazione.

A causa del genocidio subito dagli ezidi, l’ONU e le sue istituzioni collegate come l’UNAMI ne sono responsabili. La missione delle Nazioni Unite in Iraq e le relative istituzioni tacciono sugli attacchi e sui massacri dello stato turco occupante contro il nostro popolo ezida, anche se essi stessi li hanno riconosciuti.

A causa del loro silenzio, anche loro sono diventati responsabili di questi attacchi. Il silenzio sistematico dell’ONU nei confronti di questi attacchi incoraggia tutte le forze che compiono questi massacri. Gli aerei e i droni dello stato turco genocida stanno utilizzando lo spazio aereo iracheno, che è sotto il controllo degli Stati Uniti. È già stato pubblicamente discusso in passato che gli Stati Uniti aprono lo spazio aereo iracheno agli attacchi dello stato turco e ne sono quindi anche responsabili.

Alcune forze hanno aperto anche lo spazio aereo iracheno per l’attacco a Sinunê e il conseguente massacro da parte dello Stato turco, condividendone così le responsabilità. Per mitigare le proprie responsabilità, queste forze hanno espresso le loro condoglianze per il cittadino ezida Saleh Xidir Naso, ma senza citare lo Stato turco, responsabile di questo massacro. I massacri perpetrati dallo Stato turco occupante contro il nostro popolo non possono essere evitati ignorandoli, ma solo ponendo fine ai privilegi e al trattamento speciale dello stato turco. Pertanto chiediamo a tutte le potenze internazionali, in particolare agli Stati Uniti, di smettere di sostenere gli attacchi dello Stato turco e di prendere precauzioni contro questi attacchi che portano alla divisione dell’Iraq.

È risaputo che il KDP gioca un ruolo speciale in tutti gli attacchi agli ezidi e a Şengal. Il KDP sta cercando di placare la sua rabbia per il fallimento del 73° Ferman [genocidio contro gli Ezidi] facendo assassinare il popolo Ezidi e i suoi leader dallo stato turco. La cultura e il credo ezidi e gli ezidi che non potevano essere distrutti oggi sono diventati un incubo per il KDP .

A parte lo Stato turco, il KDP e lo Stato Islamico, non ci sono altre forze che temono e siano ostili all’autogestione e all’autodifesa degli Ezidi. Esattamente lo stesso ruolo che svolge il KDP negli attacchi alla guerriglia della libertà del Kurdistan meridionale, lo svolge anche negli attacchi dello Stato turco agli ezidi. Pertanto invitiamo il nostro popolo in Kurdistan, in particolare il nostro popolo curdo meridionale, a prendere posizione contro questi crimini contro l’umanità commessi dal KDP. Vorremmo anche sottolineare che una rapida risposta agli attacchi genocidi a Şengal, a Mexmûr, nel Kurdistan meridionale, nel Rojava e altrove è importante per far sì che questi attacchi non portino a nulla.

Oggi il regime fascista di Erdogan è sull’orlo del collasso. Per prolungare la sua vita questo regime continuerà i suoi brutali attacchi e massacri contro il nostro popolo e gli altri popoli della regione. Pertanto invitiamo in particolare l’opinione pubblica in Kurdistan e le forze irachene a prendere una posizione ferma contro gli attacchi genocidi e ad assumersi così le proprie responsabilità.

Comitato per le relazioni estere del KCK

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

In occasione del primo maggio, giorno dell’unità e della solidarietà, desideriamo congratularci con tutti i popoli, in particolare con tutte le donne, con tutte...

Comunicati

Votate per i candidati del popolo!È noto che il 31 marzo 2024 si terranno le elezioni municipali nel Kurdistan del Nord e in Turchia....

Comunicati

Il 12 marzo ricorre l’anniversario di due massacri commessi contro il popolo curdo; uno perpetrato dallo Stato turco nel quartiere Gazi di Istanbul (1995)...

Comunicati

Lo Stato turco attacca il Rojava [Kurdistan occidentale/Siria settentrionale] dal 13 gennaio 2024 nell’ambito dei suoi piani genocidi e continua questi attacchi da 4...