Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

In memoria delle vittime dei massacri di Gazi e Qamişlo

Il 12 marzo ricorre l’anniversario di due massacri commessi contro il popolo curdo; uno perpetrato dallo Stato turco nel quartiere Gazi di Istanbul (1995) e l’altro, dal regime siriano, nel 2004, nello stadio di calcio di Qamişlo.

Ricordiamo con rispetto e gratitudine coloro che hanno perso la vita in entrambe le atrocità, denunciando ancora una volta entrambi i massacri. Nella loro persona onoriamo tutti i martiri che hanno sacrificato la propria vita per la rivoluzione e la democrazia.

Il massacro commesso a Gazi è stato un’estensione della politica di colonialismo genocida dello stato turco contro socialisti, curdi e aleviti. A Gazi, come nei numerosi massacri compiuti prima e dopo, l’obiettivo iniziale erano i popoli e la loro resistenza collettiva.

Gli anni ’90 segnano un periodo in cui la lotta curda e la lotta socialista e democratica in Turchia cominciarono a unirsi. Soprattutto da allora, lo Stato turco ha compiuto una serie di massacri, attaccando brutalmente la società.

Prima indirettamente attraverso la creazione di organizzazioni paramilitari e poi direttamente attraverso le forze ufficiali di polizia e di gendarmeria, non hanno risparmiato l’occasione di spargere sangue.

Il governo riteneva che l’atmosfera rivoluzionaria dell’epoca costituisse un pericolo per le sue pratiche colonialiste e fasciste. Tuttavia, questa politica dello Stato turco non è cambiata, anzi, viene portata avanti dall’AKP-MHP.

Il governo fascista guidato dall’AKP-MHP sta ancora compiendo atrocità e attacchi insieme a uno schema speciale di guerra volto a impedire al popolo curdo, insieme a tutti i popoli della Turchia, e alle donne e alle forze democratiche in particolare di unirsi.

Oggi come in passato, la migliore risposta ai massacri in corso è rafforzare le alleanze democratiche e l’unità dei popoli. Dopo una partita di calcio a Qamişlo i curdi furono brutalmente massacrati dalle forze nazionaliste razziste.

Volevano alimentare il conflitto e la divisione tra i popoli utilizzando tutto questo per mettere le persone l’una contro l’altra. Considerando la situazione in Siria, adesso è più chiaro cosa si intendesse allora.

Il massacro di Qamişlo del 2004 doveva essere un fattore scatenante della guerra civile scoppiata poi nel 2011. Tuttavia, il movimento curdo e l’approccio corretto e la strategia popolare dell’epoca hanno evitato ciò. La guerra civile siriana sarebbe iniziata a quel punto se i curdi non avessero seguito la strada giusta. La Siria nel suo insieme sarebbe crollata in una guerra civile iniziata con la distruzione del Rojava.

Solo grazie alla resistenza del Rojava dopo il 2011 la Siria è riuscita a evitare di cadere nelle mani di forze fasciste, genocide, reazionarie e violente. Tuttavia, lo Stato siriano ha continuato la sua politica di riavvicinamento sia con l’amministrazione Tayyip Erdoğan che con lo Stato coloniale omicida turco, non riuscendo a trarre le necessarie conclusioni dal massacro di Qamişlo.

Questa politica ha lasciato il posto all’attuale situazione in Siria, che si trova sull’orlo della distruzione. La Siria non è in grado di sfuggire all’attuale situazione creata dal governo turco e da Tayyip Erdoğan. Questo è lo scopo dei tentativi di invasione dello Stato turco contro il Rojava e la Siria, così come gli assalti in corso da parte dell’ISIS e di altre bande, tra i tanti attacchi e omicidi in Rojava. Tuttavia tutti i tentativi saranno vanificati dalla lotta unitaria e dalla resistenza dei popoli siriani contro le politiche neo-ottomane del regime fascista Tayyip Erdoğan e dello stato colonialista omicida turco. Inoltre le attività espansionistiche e di occupazione dello Stato turco saranno neutralizzate solo attraverso la lotta proattiva dello Stato siriano contro di esso e l’accettazione di una soluzione democratica con l’Amministrazione Autonoma della Siria settentrionale e orientale.

La Siria può raggiungere la democratizzazione, il dialogo e la negoziazione per risolvere tutti i suoi problemi, inclusa la questione curda. Appoggiamo e riteniamo che ciò sia vero. Considerando il massacro di Qamişlo, è evidente che la migliore soluzione da adottare contro i massacri passa attraverso la democratizzazione del Paese in modo da risolvere i suoi problemi costruendo al contempo una comunità basata sull’uguaglianza e sulla solidarietà.

A Şeladizê, nel Kurdistan meridionale, lo stato colonialista omicida turco ha compiuto un altro massacro pochi giorni fa. Due abitanti del villaggio, Seîd Mubarek e Aras Ferec, sono stati uccisi in questo attacco. Riguardo a questo massacro, sono state rilasciate dichiarazioni dalla nostra commissione per le relazioni estere e dal “Quartier generale della difesa popolare” (HSM). Vorremmo sottolineare, ancora una volta, che il vero motivo dietro gli attacchi dello Stato turco al Kurdistan meridionale è reso chiaro da questo massacro.

Il governo turco cerca di occupare il Kurdistan meridionale e di condurre il genocidio curdo, proprio come sta tentando di fare nel Kurdistan settentrionale. Nel frattempo, il governo turco e il “Partito Democratico del Kurdistan” (KDP) stanno lavorando insieme per portare a termine il genocidio. Tutti questi attacchi vengono condotti con assistenza e collaborazione. Il KDP sta assistendo e collaborando con lo Stato turco in tutti questi attacchi. Di conseguenza, sia il governo turco che il KDP sono colpevoli di questo omicidio.

La Co-Presidenza del Consiglio esecutivo della KCK

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Votate per i candidati del popolo!È noto che il 31 marzo 2024 si terranno le elezioni municipali nel Kurdistan del Nord e in Turchia....

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...