Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Votate per i candidati del popolo!

Votate per i candidati del popolo!È noto che il 31 marzo 2024 si terranno le elezioni municipali nel Kurdistan del Nord e in Turchia. I cittadini del Kurdistan settentrionale hanno interesse a queste elezioni e sperano di vincere nominando candidati democratici e patriottici. Sosteniamo la strategia delle persone e speriamo che raggiungano i loro obiettivi. Consideriamo fondamentale la politica democratica.

Migliaia di martiri sono stati sacrificati dal nostro popolo nella continua lotta per stabilire un governo democratico. L’aspetto più significativo della politica democratica e della democrazia in generale è la governance municipale. Le amministrazioni democratiche locali sono molto importanti per il nostro popolo che lotta per la democrazia e la libertà.

Il popolo curdo ha combattuto a lungo per la propria libertà ed esistenza contro il colonialismo e il genocidio, quindi le elezioni politiche e amministrative sono sempre state importanti per dimostrare il proprio atteggiamento e la propria volontà politica. Da decenni lo stato colonialista omicida turco cerca di distruggere la politica democratica e di deviarla dal suo percorso. Per raggiungere questo obiettivo ha utilizzato molte forme di brutalità, tra cui massacri, espulsioni, arresti, estorsioni e altre forme di repressione. JITEM e Hizbulkontra hanno ucciso migliaia di patrioti in casi che non sono stati indagati dai tribunali statali, etichettandoli come “omicidi irrisolti”. Tuttavia, non sono riusciti a distruggere la popolazione curda e il suo sistema politico democratico. L’arena politica democratica ha resistito, rifiutandosi di sottomettere o di arrendersi alla propria posizione. Questo è qualcosa che apprezziamo molto e vorremmo ricordare con onore tutti i martiri della democrazia rendendo un omaggio particolare a due dei loro pionieri: Vedat Aydin1 e Apê Musa2.

È evidente che i candidati del partito DEM hanno acceso l’interesse e la passione delle persone per la politica regionale, sia in Turchia che nel Kurdistan settentrionale. Il nostro popolo in Turchia e in Kurdistan è attratto e sostiene il Partito DEM a causa delle sue politiche, dei suoi programmi e dei candidati nominati. Avviare il processo di ricostruzione democratica facendo appello al popolo dopo le elezioni generali del 14 maggio, ha prodotto risultati significativi ed essenziali. Tra questi c’è la nomina dei candidati da parte del popolo attraverso le elezioni primarie. L’opinione pubblica ha riconosciuto questo come un approccio giusto e democratico ed era a suo favore. Questo è uno dei motivi dell’entusiasmo e dell’interesse che si sono sviluppati in Kurdistan. Ancora una volta, il partito DEM si è assicurato il sostegno del popolo utilizzando il sistema di co-presidenza come modello e presentandosi davanti alla popolazione generale con i candidati alla co-presidenza.La chiara opposizione del popolo contro i tentativi di diffamare la co-presidenza e la filosofia della donna libera lo ha dimostrato chiaramente. La maggiore pressione sul sistema politico democratico è arrivata dalla coalizione fascista AKP-MHP. Il governo AKP-MHP ha fatto tutto il possibile per commettere atti malvagi, essendo coinvolto nel genocidio curdo.

Quando pressioni, estorsioni, minacce, arresti e omicidi falliscono, si ricorre a una serie di tattiche losche, come l’impiego di tecniche militari uniche per provocare la disintegrazione del popolo e costringerne la sottomissione. Il culmine di questi problemi è la nomina degli amministratori fiduciari.

Gli amministratori emergono dalla politica del genocidio curdo. È la negazione e lo sradicamento dell’esistenza del popolo curdo, così come la confisca della sua volontà. Tayyip Erdogan e il governo AKP-MHP hanno dimostrato la loro natura negazionista e la loro posizione di più grande nemico del popolo curdo assegnando fiduciari alle città del Kurdistan. Questa realtà è stata completamente compresa e abbracciata dalla nostra gente. Lo dichiara l’atteggiamento determinato che si è sviluppato nel Newroz. È certo che anche le elezioni locali previste per il 31 marzo rappresenteranno questa mentalità.

Vorremmo richiamare l’attenzione su due punti in particolare, che riteniamo importanti. Innanzitutto l’attuale contesto di queste elezioni è inequivocabilmente antidemocratico. Le istituzioni pubbliche e democratiche sono sotto una pressione senza precedenti. Il Kurdistan viene ora trattato come il quartier generale delle varie istituzioni statali e varie forme di coercizione e inganno vengono utilizzate per impedire la vittoria dei candidati del partito DEM. Al loro arrivo nelle città curde, centinaia di migliaia di militari, agenti delle forze dell’ordine e dipendenti governativi si sono registrati per votare. Alla luce delle circostanze delle elezioni, gli elettori dovrebbero partecipare più attivamente alle elezioni per screditare progetti, cospirazioni e inganni. Il nostro popolo non dovrebbe essere indotto con l’inganno a esprimere un solo voto per l’AKP-MHP e i suoi alleati.

Considerare di votare per un candidato diverso da quelli scelti dal popolo è insostenibile perché mette in gioco il futuro di tutto il nostro popolo, lasciandolo ad affrontare le atrocità commesse contro di esso in passato. In secondo luogo, è necessaria una reazione intensa contro coloro che hanno tradito. Gruppi come JITEM, che hanno collaborato con loro, ucciso persone innocenti e venduto le loro anime al nemico in nome del denaro e del potere, non dovrebbero avere l’opportunità di ingannare il nostro popolo

Tutti dovrebbero essere persuasi, il nostro popolo non deve essere titubante e dovremmo votare tutti con una sola voce durante le elezioni. Le urne elettorali e i voti devono essere tutelati sia dal popolo che da chi detiene il potere. Attraverso la coercizione, la frode, i complotti e le macchinazioni, l’AKP-MHP e i suoi alleati sperano di normalizzare e legittimare la nomina degli amministratori acquisendo il controllo dei comuni del Kurdistan. La popolazione del Kurdistan settentrionale non deve permettere che ciò accada.

Mai un solo curdo dovrebbe essere attratto da criminali così subdoli. Questi gruppi, che si spacciano per curdi, non sono altro che bande omicide infestate dal veleno dello Stato. Si sono infiltrati nel nostro popolo e vengono impiegati per ostacolare il successo del movimento per la libertà. È imperativo che il nostro popolo, che è ben consapevole e ha familiarità con questi gruppi, risponda ad essi collettivamente e con la forza necessaria.

Con questa speranza e convinzione, incoraggiamo il nostro popolo a votare con forza il 31 marzo e auguriamo buona fortuna ai candidati democratici e al nostro popolo.

La Co-presidenza del Consiglio esecutivo della KCK

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...