Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Murat Karayılan: La Turchia mira ad attuare il suo programma neo-ottomano

Identificando l’offensiva dell’esercito turco in corso nella regione del Kurdistan iracheno come una guerra seria e strategica, Murat Karayılan ha lanciato due appelli; che la guerra non dovrebbe trasformarsi in una guerra tra curdi e che il KDP dovrebbe porre fine alla cooperazione anti-curda con la Turchia.

Murat Karayılan un alto dirigente del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) ha risposto alle domande dell’agenzia stampa Firat News.

Murat Karayılan ha affermato in una recente intervista che l’attuale guerra è una questione di vita o di morte per il popolo curdo: “Questo è un periodo straordinario; ogni persona curda dovrebbe correre dei rischi e fare tutto il possibile”.

Nella notte del 17 aprile lo Stato turco ha effettuato un attacco globale alle zone di difesa della Medya. Qual è lo scopo di questo attacco?

Innanzitutto va notato che questi attacchi nemici non sono un attacco normale. Lo Stato turco agisce con un nuovo concetto dal 2016, basato su una strategia. Lo scopo di questa strategia è: per prevenire la lotta per la libertà del Kurdistan, la Turchia non dovrebbe rimpicciolirsi e così hanno deciso di allargare la Turchia. In questo quadro mirano a portare i confini del Patto nazionale sotto il loro controllo in campo militare, politico, economico e in tutti gli altri campi. Allo stesso tempo vogliono porre l’Iraq e la Siria sotto il loro controllo, non con un’invasione diretta. In questo modo mirano ad attuare il programma neo-ottomano e a fare della Turchia il più grande stato della regione. Questa è l’essenza del loro concetto. Su questa base ci combattono da molto tempo. Attaccano il popolo curdo non solo in campo militare, ma anche politico, sociale e culturale, in ogni campo. Stanno infliggendo a Rêber Apo [Abdullah Öcalan] una tortura senza precedenti al mondo. Prendono tutto in modo straordinario e ci affrontano. Attaccano il popolo curdo non solo in campo militare, ma anche politico, sociale e culturale, in ogni campo. Stanno infliggendo a Rêber Apo [Abdullah Öcalan] una tortura senza precedenti al mondo. Prendono tutto in modo straordinario e ci affrontano. Come è noto nel 2021 puntavano ad occupare le regioni in cui si trovano le forze della guerriglia nel Kurdistan meridionale, o in altre parole, le zone di difesa della Medya. Per questo hanno attaccato Garê con un attacco improvviso mentre la neve era ancora sul terreno.

Il loro scopo e il loro piano era di occupare ogni luogo entro tre mesi. Tuttavia sono stati sconfitti sconfitti ed i loro piani non hanno funzionato.Forse hanno conquistato alcune colline in alcune zone, ma la guerriglia ha opposto una grande resistenza e sono stati sconfitti ancora una volta. (…) In realtà sarebbe più corretto dire che è iniziato il 14 aprile, perché prima gli attacchi aerei sono durati 3 giorni e queste aree sono state bombardate. In termini militari questo si chiama “ammorbidimento”. Sono stati effettuati attacchi aerei per ammorbidire i bersagli. Quindi nella notte tra il 17 e il 18 aprile hanno attaccato da entrambe le direzioni sud e nord. Hanno anche lanciato un attacco di invasione completo utilizzando il metodo aviotrasportato. Questa non è un’operazione, questa è una guerra seria. Nessun paese può combattersi così facilmente. Non credo che ci siano tali fronti nemmeno in Ucraina, che ci possa essere un punto in cui ci sia una guerra costante. Questa è una guerra seria. Lo Stato turco genocida ha utilizzato in passato la tecnologia e le armi chimiche.

Tuttavia adesso quando guardiamo,vediamo che dà più peso alla tecnica. Contemporaneamente fa volare elicotteri, aerei da guerra, aerei da ricognizione, attacchi da terra e spara con gli obici dagli avamposti di confine. In breve, il loro obiettivo è il bombardamento costante e l’occupazione assoluta. (…)

Una guerra strategica per il popolo curdo

Questa guerra non è solo una guerra tra il PKK e lo Stato turco, come qualcuno dice. No, è un grosso errore da fare. Questa guerra viene condotta sulla base di una strategia. Questa guerra viene condotta sulla base di una strategia. È vero che l’obiettivo principale di questa strategia è il PKK, ma il PKK non è l’unico obiettivo. Ci sono anche altri obiettivi. Liquidare tutte le conquiste del popolo curdo. Dopodiché, potranno influenzare il popolo arabo e ottenere il potere nella regione controllandolo. Mirano a riuscire a influenzare non solo le montagne del Kurdistan, ma anche Hewler e Baghdad.

Indubbiamente il primo obiettivo è il PKK, ma in realtà sono nel mirino le conquiste del popolo curdo . Pertanto, questa guerra è strategica per il popolo curdo, è una guerra per la vita o la morte per il popolo curdo.

È una questione di vita o di morte

Hanno speso la maggior parte della ricchezza della Turchia in questa guerra. Perché il popolo turco adesso ha fame? La Turchia è un paese ricco, ma ha investito tutte le sue entrate nella guerra, segretamente o apertamente. Adesso le persone dicono loro: ” Avete speso così tanto ma non avete vinto” e inizieranno le indagini su di loro. Pertanto i fascisti Erdoğan e Bahçeli devono avere successo contro di noi per mantenere il loro governo e rafforzare il dominio del sistema fascista in Kurdistan. Questo è importante per loro. Ma per noi questo è molto più importante; perché è una questione di vita o di morte. Questo è importante per il nostro popolo, per il popolo arabo e per i popoli della regione. Inseguono sogni di neo-ottomanesimo e non ascoltano nessuno. Vogliono tornare ancora una volta nelle terre ottomane. Questo non è un piano così segreto. Non parlano ogni giorno di Kirkuk? “In realtà era nostra, ma ce lo hanno presa” Hanno un piano, se no, cosa stanno cercando in questo momento i loro soldati a Bashika? Perché la Turchia sta facendo questi preparativi a Kirkuk? È chiaro che se la loro strategia funziona, lo status curdo sarà messo in pericolo e scomparirà.

Qual è il ruolo e la missione del KDP in questi attacchi? In che misura il KDP partecipa a questa operazione?

L’anno scorso in questo ambito ha avuto luogo una collaborazione. Ma sembra che la Turchia non sia soddisfatta di questo, per questo hanno tenuto incontri con funzionari del KDP ai massimi livelli. Sembra che quest’anno il KDP abbia fatto un ulteriore passo avanti in questi ultimi attacchi. Quindi è andato un po’ più in là rispetto allo scorso anno. Ora quando diciamo tutto questo, non diffamiamo il KDP. Forse i funzionari del KDP non lo dicono, ma questa è la verità. Non vogliamo che abbiano un tale rapporto anticurdo contro di noi. Non so quale sarà la fine di tutto questo. È vero che finora non hanno combattuto con la guerriglia, ma da ieri stanno raccogliendo le forze. Stanno rafforzando le loro forze in regioni come Dêrelok e Şêladizê. Cosa faranno? Cosa accadrà? Non sappiamo se questo si evolverà in un’altra fase, non abbiamo informazioni a riguardo.

Certo c’è una situazione pericolosa. Al fine di evitare finora un conflitto finora; a volte quando si è verificato un contatto, abbiamo fatto molti tentativi affinché questo curdo non sia in una guerra con quel curdo.

L’obiettivo dello Stato turco è trasformare questa guerra in una guerra tra curdi e in questo modo avere successo nel suo progetto. Ma tutto ha un limite. Per questo motivo, il nostro popolo, i patrioti curdi, i politici curdi, gli intellettuali e gli artisti devono assumersi le proprie responsabilità. Non può essere così. Siamo una forza di sacrificio, non abbiamo paura di nessuno. Non vogliamo che questo si trasformi in una guerra curda con i curdi.

Il KDP taglia il ramo su cui si trova

Il PKK è un grande garante per il Kurdistan meridionale, per la federazione del Kurdistan meridionale. Questa è la verità. Se il PKK non esistesse, lo Stato turco ignorerebbe la federazione. Se non fosse stato per il PKK, la Repubblica di Turchia non incontrerebbe mai un leader curdo, non ne avrebbe mai tenuto conto né parlato con lui. Ora c’è il PKK e il PKK è una minaccia per loro. Parlano con tutti a causa della paura del PKK. Uno dovrebbe vederlo e tenerne conto. Continuate a sostenerla e il PKK si indebolisce, vediamo anche se allora ti salutano. Sappiamo benissimo che non lo faranno. Siamo tutti i prossimi, hanno messo al primo posto il PKK perché lo vedono come il più pericoloso per loro. Vogliono liquidare il PKK, poi sarà il turno di tutti gli altri, sono contro lo status curdo. Due mesi fa Hulusi Akar non si trovava in un luogo segreto, e ha detto apertamente in parlamento: “Non esiste un luogo chiamato Kurdistan, né all’interno della Turchia né fuori dalla Turchia”. Stanno conducendo questa guerra per questo scopo e hanno preparato le loro strategie di conseguenza. Sai ci sono battute su Nasreddin Hodja in Turchia; vuole tagliare l’albero, ma taglia il ramo su cui si trova e cade a terra.La situazione del KDP è esattamente la stessa. Vogliono abbattere l’albero della vita e ovviamente ne soffriranno. La verità è proprio questa. Li vogliamo fuori da questa situazione. Non so quali iniziative siano necessarie a tal fine, ma siamo sensibili. Tuttavia, il Bashur e il Rojava devono vedere i pericoli che li attendono. Anche i politici curdi devono vedere questi pericoli e prendere posizione.(…)

La verità è proprio questa. Li vogliamo fuori da questa situazione. Non so quali iniziative siano necessarie a tal fine, ma siamo sensibili. Tuttavia, il Bashur e il Rojava devono vedere i pericoli che li attendono. Anche i politici curdi devono vedere questi pericoli e prendere posizione.(…)

I media vicini al KDP parlano troppo; “Gli abitanti di villaggio non possono andare nei loro villaggi, gli abitanti del villaggio vengono danneggiati”, hanno detto. È vero, ne siamo consapevoli. In effetti, sono più di trenta i martiri finora. Sono i nostri martiri. Ma si dovrebbe anche sapere che solo nello Zap, a Rêkan, e Nêrweyi hanno evacuato gli abitanti del villaggio. I villaggi di Sinûnê non sono stati ancora costruiti e nemmeno i villaggi intorno a Duhok sono stati costruiti. Ogni villaggio o ha una casa o no. Come mai? La gente dovrebbe mettere in discussione la propria politica. La guerra non è l’unico motivo per cui gli abitanti dei villaggi non costruiscono i loro villaggi. La guerra è una causa, è vero. Ma c’è un problema generale. Un altro è che lo stato turco sta attaccando.

Dobbiamo assumere un atteggiamento armonioso nei confronti di questo nemico comune. Allora le persone possono resistere. Allora le potenze straniere, le potenze internazionali reagiscono. Se una potenza sovrana curda approva questi attacchi, questi attacchi barbarici sembrano normali. Come ho detto la nostra gente dovrebbe considerarsi responsabile. In altre parole questo processo non dovrebbe trasformarsi in una guerra tra curdi e curdi. Tutti dovrebbero prendere posizione contro di essa. I peshmerga, in particolare i sostenitori del KDP, che hanno lavorato duramente in questo senso dovrebbero vedere questa tendenza.Ho fatto loro appello. Ho speranza. Non dovrebbe essere così, tutti dovrebbero valutare il proprio ambiente e assumere un atteggiamento. La situazione sta davvero peggiorando. Cosa vogliamo? Due cose:

1. La guerra non dovrebbe trasformarsi in una guerra tra curdi

2. Il KDP dovrebbe porre fine alla cooperazione anticurda dello stato turco. Abbandonare questa politica.

Questo è ciò che vogliamo. E questo dovrebbe essere il desiderio di ogni curdo patriottico. Questo è ciò che dirò a questo proposito.

Infine c’è qualcosa che vorresti sottolineare?

I giorni che stiamo attraversando sono i giorni più duri nella nostra storia di lotta. Il periodo che stiamo attraversando è importante. Come? La guerra che esiste tra noi e l’occupazione turca ha raggiunto il suo apice. Ovviamente vogliono batterci e noi vogliamo batterli. Pertanto, è un periodo importante. Tutti i patrioti, tutti i curdi dovrebbero assolutamente avere un ruolo in questo periodo. Dovrebbero mantenere il loro dovere patriottico.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Interviste

L’esercito israeliano ha dichiarato ufficialmente guerra per la prima volta dopo 50 anni. Gaza, una città di due milioni di abitanti, viene bombardata pesantemente...

Interviste

ANKARA – Affermando che il confederalismo democratico è l’unica soluzione per i problemi del Medio Oriente, la copresidente di HEDEP Tülay Hatimoğulları ha affermato:...

Interviste

La parlamentare e avvocato Newroz Uysal descrive la privazione del diritto alla speranza di liberazione, come praticata contro Abdullah Öcalan, come una misura contro...

Interviste

Perché l’esperienza delle donne a Jinwar ci riguarda? Ne parliamo con l’esperta Fabiana Cioni, architetta, dottorata presso l’Istituto Universitario di architettura di Venezia IUAV...