Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Campagna Pace in Kurdistan: Stop all’uso di armi chimiche da parte della Turchia

La campagna Pace in Kurdistan ha affermato in una dichiarazione che “da quando le forze armate turche hanno invaso l’Iraq settentrionale/Kurdistan meridionale il 23 aprile 2021, ci sono statesegnalazioni dell’utilizzo di armi chimiche contro i guerriglieri curdi nelle regioni di Zap, Metina e Avasia”.

Il comunicato ricorda che “i Fisici Internazionali per la Prevenzione della Guerra Nucleare hanno invitato le Nazioni Unite ad avviare indagini sull’uso di armi chimiche da parte dell’esercito turco nel Kurdistan meridionale. La frequenza dell’uso di queste armi e la loro letalità è aumentata negli ultimi due mesi: ora ci sono segnalazioni di oltre 300 utilizzi separati. Le prove di questi crimini internazionali e le vittime derivanti dall’uso di armi chimiche stanno aumentando. La Turchia è membro dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) e firmataria della Convenzione sulle armi chimiche. Il suo governo deve rispondere. La mancata responsabilizzazione dei colpevoli incoraggerà altri a commettere questo crimine. L’impunità incoraggerà gli imitatori. La Turchia sarà considerata un esempio dell’uso “riuscito” delle armi chimiche”.

La Campagna Pace in Kurdistan ha aggiunto: “Questa non è la prima volta che i curdi sono stati sottoposti a guerra chimica. Nel 1919 Winston Churchill come Segretario di Stato ” Per la guerra ed il cielo” suggerì che la RAF avrebbe dovuto usare agenti chimici durante la rivolta in Iraq:

“Sono fortemente favorevole all’uso di gas chimico contro le tribù incivili”. Per tribù incivili Churchill intendeva i curdi, gli arabi e altri popoli locali. La sua logica era l’efficacia dei costi. Saddam Hussein e l’esercito iracheno hanno usato armi chimiche contro i curdi ad Halabja il 16 marzo 1988 verso la fine della guerra Iran-Iraq. Oltre 5.000 persone sono state uccise ad Halabja. Ci sono state segnalazioni secondo cui la Turchia aveva usato armi chimiche durante l’invasione di Afrin nel 2018 e l’occupazione di Gire Spi e Serekaniye nel 2019. Il fallimento della comunità internazionale nel sanzionare la Turchia per queste invasioni ha incoraggiato la spinta alla barbarie”.

La dichiarazione prosegue: “L’indignazione ha accolto il tentativo di uccidere Sergei Skripal e sua figlia Yulia con un agente chimico nel marzo del 2018 a Salisbury, in Inghilterra. All’indomani e dopo le segnalazioni sull’uso di armi chimiche da parte del governo in Siria, l’allora ministro degli Esteri Boris Johnson ha affermato che “Il Regno Unito ha presentato un progetto di decisionale volto a rafforzare il bando delle armi chimiche”. Nel giugno 2021, l’ambasciatore del Regno Unito alle Nazioni Unite, Barbara Woodward, ha risposto alle dichiarazioni delle Nazioni Unite e dell’OPCW secondo cui otto attacchi con armi chimiche erano attribuibili allo stato siriano affermando: “È chiaro che il regime mantiene la capacità di armi chimiche e la volontà di usale.’ Con la recente escalation del loro utilizzo da parte della Turchia, rischiamo di vedere le sostanze chimiche diventare l’arma preferita in Medio Oriente e altrove. La Gran Bretagna ha firmato il relativo Protocollo di Ginevra il 9 aprile 1930 che vietava l’uso di gas tossici e batteri in guerra. La Gran Bretagna ha firmato la Convenzione sulle armi chimiche il 13 gennaio 1993 e l’ha ratificata il 13 maggio 1996. La guerra chimica è un crimine di guerra, l’istigatore del massacro di Halabja è stato giustiziato. Tuttavia la verifica dell’uso delle armi chimiche richiede il sostegno politico e in particolare il sostegno delle maggiori potenze e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Dobbiamo chiedere che la Turchia sia tenuta a rispondere e sia costretta a smettere di usare armi chimiche”.

ANF

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Memet Sıddık Akış, il co-sindaco curdo democraticamente eletto del comune di Colemêrg, è stato arrestato lunedì 3 giugno e sostituito dal governatore di Hakkari....

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...