Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Siria

Appello dell’Univerisità del Rojava agli accademici: lavoriamo insieme

Il dottor Sardar Saadi dell’Università del Rojava ha osservato che stanno accogliendo accademici da tutto il mondo, ma hanno notato che hanno bisogno di lavorare con più persone che possano leggere e scrivere in curdo a livello accademico.

Quest’anno, quasi 3.000 studenti hanno fatto domanda per le tre università del Rojava, Rojava, Kobani e Al Sharq. Gli studenti hanno sostenuto gli esami il 1 settembre e coloro che lo hanno superato dovevano scegliere a quale dipartimento volevano iscriversi entro il 19 settembre.

“Alla luce delle discussioni su come migliorare la rivoluzione in Rojava, nelle nostre menti si è sviluppata l’idea di istituire il Dipartimento di Scienze Umanistiche”, ha affermato il dott. Sardar Saadi in un’intervista a Yeni Ozgur Politika.

“Ma gli attacchi della Turchia stavano per iniziare in quei giorni e dovevamo stabilire il nostro lavoro in un’atmosfera pericolosa sotto la minaccia della guerra”, ha aggiunto. Il dott. Sardar Saadi è il coordinatore dell’Istituto di scienze sociali dell’Università di Rojava. È stato istituito nel 2020. “Stiamo lavorando duramente per migliorare il sistema e l’istruzione”.

Nonostante abbiano stabilito collegamenti con università europee e americane, i continui attacchi della Turchia e dei suoi mercenari contro la regione e anche il mancato riconoscimento da parte del regime siriano dell’Amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale (AANES) hanno avuto un impatto negativo sull’istruzione.

“La Siria ha perseguito per molti anni una politica di assimilazione e arabizzazione dei curdi. Pertanto la maggior parte dei curdi non usa il curdo come lingua per leggere e scrivere. Poiché il nostro programma è in curdo, gli studenti hanno dovuto lavorare sodo per essere in grado di leggere e scrivere in curdo”.

Le persone che lavorano per sviluppare il profilo e i programmi dell’università non sono state limitate solo agli accademici e al personale con sede in Rojava. “Abbiamo istituito un comitato a Toronto”, ha affermato il dott. Saadi, “Abbiamo parlato con accademici di tutto il mondo. Alla luce di queste discussioni, abbiamo avuto l’idea di educare prima gli studenti in Rojava, e poi questi studenti saranno il futuro personale dell’istituto”.

Gli accademici che hanno formato un comitato consultivo di 10 membri composto da esperti in studi curdi, studi regionali e studi internazionali in tutto il mondo, stanno conducendo un lavoro prezioso sia per la promozione dell’università che per l’istituzione del suo sistema educativo.Slavoj Zizek, uno dei pensatori più rispettati al mondo, ha tenuto una presentazione all’Università del Rojava, moderata dal dott. Saadi. Anche il linguista, filosofo e storico Noam Chomsky ha tenuto un discorso di apertura.

Il dott. Saadi ha osservato il significato e l’impatto dei principali accademici e delle università internazionali che hanno sostenuto l’università: “Lasciami metterla in questo modo: quando le università progressiste del mondo, o qualsiasi professore, filosofo, vogliono lavorare con noi, è molto, molto incredibile. Non posso dirvi quanto sia importante. Ad esempio, quando lavoriamo sulle valutazioni del credito. Collaboriamo con i professori più esperti su questi argomenti all’Università di Cambridge”.

“Ogni volta che desideriamo consultarci su determinate questioni o quando vogliamo esplorare nuove idee, accademici e scienziati che contattiamo comunicano con noi, ci aiutano e ci assistono. Sono felici di farlo. Questo è incredibile per il Rojava e i curdi. Mostra anche quanto siano importanti le università del Rojava per il riconoscimento del Rojava”.

Quest’anno hanno in programma di organizzare giuria, seminari e campi, sulla falsariga del corso che Chomsky ha tenuto l’anno scorso e del corso tenuto da Zizek. “Tuttavia”, ha aggiunto il dottor Saadi, “alcuni accademici curdi sono distanti da noi a causa della posizione della Turchia. Lo fanno perché temono che la Turchia faccia qualcosa contro di loro. Ci sono molti accademici curdi che vivono in Europa. E sfortunatamente, alcuni accademici curdi hanno altre preoccupazioni. Il nostro lavoro si chiama Rojava. Il nome Rojava ha un’identità politica e rivoluzionaria, ovviamente. Ma stiamo facendo un lavoro accademico”. Il dottor Saadi ha sottolineato la necessità di lavorare con più accademici che sappiano leggere e scrivere in curdo.

“Vorrei qui fare un appello tramite voi. Siamo a distanza di posta elettronica da chiunque voglia lavorare con noi. Vogliamo lavorare con accademici e scienziati da diverse prospettive. Dobbiamo rafforzare questo istituto, l’università, per quanto possiamo. Abbiamo bisogno di tutti coloro che possono insegnare il curdo, specialmente nelle scienze sociali a livello accademico”.

Il Dr. Saadi ha anche parlato di piani e orari per il nuovo semestre, che inizia ad ottobre. “Vogliamo migliorare questo Istituto. Ora, è solo “scienza sociale”. Vogliamo anche aprire diversi dipartimenti. Abbiamo amici che in questi giorni lavorano sulle “scienze politiche” . C’è uno studio del dipartimento di storia. Come università stiamo considerando anche un programma di master in lingua curda e in letteratura. Abbiamo anche alcune iniziative nel campo dell’archeologia».

Quest’anno stanno progettando una scuola estiva anche in Europa. “Naturalmente in modo simile alla situazione dell’anno scorso, avremo lezioni con noti scienziati; tuttavia a differenza dello scorso anno, prevediamo di rendere tematici questi corsi.

Inoltre a Raqqa è stata fondata la terza università del Rojava, l’Università Al-Sharq. La lingua di insegnamento sarà l’arabo. Un coordinamento è stato istituito nel Rojava, che gestisce l’Università di Kobanê, l’Università di Rojava e l’Università di Al-Sharq. Il nostro lavoro sarà svolto nell’ambito di questo coordinamento”.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...

Siria

Il Rojava Information Center (RIC) ha compilato un rapporto dettagliato sulle 18 località colpite dallo Stato turco il giorno di Natale nella Siria settentrionale...

Siria

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”. Da...