Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

Avesta: Gli attacchi sono il risultato dell’accordo di Shengal

Sozdar Avesta del Consiglio di presidenza della KCK (Unione delle comunità del Kurdistan) chiede alle autorità irachene di indagare a fondo sugli attacchi aerei nell’area di insediamento yazida di Shengal (Sinjar) nel Kurdistan meridionale (nord dell’Iraq).

Gli attentati mirati delle forze aeree turche sono state possibili solo con informatori a terra e contenevano un messaggio sia all’Iraq che alla comunità yazida, ha dichiarato Avesta all’agenzia ANF.

Martedì, un attacco aereo dell’aeronautica turca su un ospedale di Shengal ha ucciso otto persone e ne ha ferite altre quattro. Le vittime includono quattro combattenti delle unità di resistenza di Shengal (YBŞ) e quattro dipendenti dell’ospedale. Quando le persone della zona circostante hanno cercato di aiutare le persone sepolte sotto le macerie, sono state attaccate anche dall’alto. L’ospedale di Sikêniyê, completamente distrutto da diversi bombardamenti, ha curato tra gli altri i feriti nell’attacco mirato di droni di lunedì contro il veicolo del comandante delle YBŞ Seîd Hesen (Saeed Hassan).

Hesen si stava recando ad un incontro faccia a faccia con il primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi quando la sua auto è stata bombardata nella città vecchia di Shengal. L’attacco ha ucciso anche suo nipote, Îsa Xwedêda e ferito altri tre.

Sêid Hesen: portavoce, avvocato, politico e diplomatico del suo popolo

Sozdar Avesta ha affermato che questo non è stato né il primo né l’ultimo attacco dello Stato turco contro il popolo yazida: “Per espellere il popolo da Shengal e per impedire il ritorno degli yazidi fuggiti, tali attacchi hanno avuto luogo per anni. Heval Sêid non si è lasciato intimidire da questo e ha lavorato continuamente per il suo popolo. Ecco perché è stato preso di mira dallo Stato turco.

Quando l’ISIS ha invaso Shengal nel 2014, ha resistito fianco a fianco con i dodici combattenti delle HPG. Ha combattuto contro i mercenari, ha assunto ruoli di leadership, ha svolto attività educative per creare consapevolezza tra la sua gente e ha co-fondato nel 2015 il Consiglio democratico di Shengal.

Fino alla sua morte è stato portavoce, avvocato, politico e diplomatico del suo popolo

Fino alla sua morte, è stato portavoce, avvocato, politico e diplomatico del suo popolo. Il fatto che oggi gli yazidi a Shengal combattano per la democrazia, la libertà e la coesistenza equa è merito di Heval Sêid e degli altri martiri. Se lui e la tribù Hebabiya non avessero partecipato alla lotta, l’intero popolo yazida avrebbe dovuto lasciare Shengal. Quindi è stato un attacco mirato e anche i tempi sono stati pianificati. Era il giorno in cui il Primo Ministro iracheno avrebbe visitato Shengal per la prima volta. L’attacco è stato condotto dallo stato fascista turco, ma i traditori nella regione hanno svolto un ruolo importante in esso. Le autorità irachene devono chiarire chi era coinvolto. Allo stesso tempo è stato un attacco alla sovranità irachena”.

Un attacco alla convivenza dei popoli in Iraq

Sozdar Avesta vede gli attacchi come risultato dell’accordo sul futuro di Shengal concluso sotto la supervisione internazionale tra Baghdad e Hewlêr (Erbil) il 9 ottobre 2020: “Gli attacchi mandano il messaggio: o accettate l’accordo o ci saranno massacri. Ecco come deve essere attuato l’accordo. E in cosa consiste questo accordo? Shengal deve essere spopolato, le persone devono essere private della propria volontà, devono essere espulse da Shengal. Pertanto, il popolo yazida non accetterà mai questo accordo e resisterà al massimo. Dovrebbe essere chiaro allo stato iracheno che questi ultimi attacchi sono stati diretti anche contro la richiesta di pacifica convivenza tra i popoli dell’Iraq. L’ospedale bombardato ha curato yazidi e arabi, e due di quelli uccisi erano combattenti arabi delle YBŞ”. La risposta della gente agli attacchi è stata inequivocabile, ha continuato Avesta, “Hanno segnalato all’Iraq, agli Stati Uniti, all’ONU e a tutte le forze nella regione che vogliono spazzare via gli yazidi che non hanno più nulla da perdere. Negli ultimi sette anni, il popolo yazida si è organizzato e ha finalmente distrutto le catene della schiavitù. Non è più come prima, è organizzata e forte, ha le sue forze di difesa e ci sono donne che combattono in posizioni di primo piano”.

 

ANF

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Lo Stato turco attacca il Rojava [Kurdistan occidentale/Siria settentrionale] dal 13 gennaio 2024 nell’ambito dei suoi piani genocidi e continua questi attacchi da 4...

Iraq

La politica curda Azime Arsun è stata rapita dai servizi segreti del Partito democratico del Kurdistan in Iraq e consegnata alla Turchia per fare...

Comunicati

“Vorremmo congratularci con le donne del mondo l’8 marzo, la Giornata internazionale della donna, che è un simbolo della resistenza e della solidarietà delle...

Turchia

Il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK, Cemil Bayık, ha dichiarato: “Fermiamo le azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. Abbiamo deciso...