Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Siria

L’Organizzazione per i diritti umani di Afrin chiede un’indagine indipendente dopo la scoperta di una fossa comune

L'”Organizzazione per i diritti umani di Afrin – Siria” ha affermato che i corpi scoperti in una fossa comune potrebbero appartenere ai residenti di Afrin che sono stati imprigionati dalla Turchia, dalle milizie e dalle forze mercenarie sostenute dalla Turchia.

Il 14 luglio il dipartimento turco di difesa nazionale ha annunciato che una fossa comune di 35 persone è stata trovata nella regione di Afrin, nel nord della Siria, controllata dalla Turchia, dalle milizie e dai mercenari sostenuti dal 2018 dalla Turchia.

L’agenzia Anadolu, affiliata al governo turco, ha affermato che 35 persone sono state uccise dalle Unità di protezione del popolo (YPG) prima che la Turchia assumesse il controllo di Afrin nel 2018 e che i corpi appartengono a quelle persone decedute.

Tuttavia, è stato riferito, anche dalle Nazioni Unite, che molti rapimenti e omicidi hanno avuto luogo nella regione da quando la Turchia ha assunto il controllo della città.

Dopo che le notizie hanno iniziato a chiedersi se i corpi trovati nella fossa comune potessero appartenere a persone che sono state rapite e uccise dalla Turchia e dalle sue milizie e mercenari sostenuti, anche varie organizzazioni per i diritti umani che monitorano la regione hanno espresso i loro sospetti e preoccupazioni.

Dopo che i notiziari hanno iniziato a chiedersi se i corpi trovati nella fossa comune potessero appartenere a persone che sono state rapite e uccise dalla Turchia e dalle milizie e mercenari sostenuti, anche varie organizzazioni per i diritti umani che monitorano la regione hanno espresso i loro sospetti e preoccupazioni.

Nel settembre 2020, il rapporto della Commissione d’inchiesta sulla Siria delle Nazioni Unite ha confermato che l’Esercito nazionale siriano (SNA) sostenuto dalla Turchia ha commesso crimini di guerra ad Afrin e Serêkaniyê, inclusi rapimenti, sparizioni e violenze sessuali di genere. Anche la Turchia è stata ritenuta responsabile dal rapporto delle Nazioni Unite.

Dopo il ritrovamento della fossa comune, l'”Organizzazione per i diritti umani – Afrin – Siria” ha rilasciato una dichiarazione sul proprio sito Web e ha chiesto un’indagine indipendente sui corpi, lo riferisce l’agenzia Anha.

Nella dichiarazione, si è osservato che la regione in cui si trova la fossa comune è di nuova realizzazione, e quindi i corpi delle persone di Afrin che sono state arrestate e rapite negli ultimi tre anni dalla Turchia e dai suoi mercenari armati affiliati potrebbero essere sepolti lì.

Facendo appello alla comunità internazionale, alle Nazioni Unite, alle organizzazioni internazionali per i diritti umani e alle organizzazioni non governative, l'”Organizzazione per i diritti umani -di Afrin” ha affermato che per ottenere giustizia, dovrebbe essere condotta un’indagine indipendente nella regione per quanto riguarda alla fossa comune trovata ad Afrin.

Il 20 gennaio 2018 la Turchia ha lanciato la sua campagna militare aerea e terrestre “Ramo d’ulivo” ad Afrin, in Siria, e dopo 59 giorni di scontri con le Unità di difesa popolare (YPG) e le Unità di difesa femminile (YPJ) condotte dai curdi siriani ha assunto il controllo controllo della città il 18 marzo 2018.

Almeno la metà della popolazione a maggioranza curda della città di Afrin, che aveva una popolazione di 300.000 abitanti, è stata sfollata con la forza e molti sono fuggiti nei campi profughi di Shehba. Secondo quanto riferito, molti di coloro che non sono fuggiti da Afrin ma hanno resistito all’oppressione sono stati rapiti, messi dietro le sbarre e uccisi. Il destino di molte persone rapite dal 2018 rimane sconosciuto.

MA

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...