Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Siria

Eurodeputati chiedono di indagare sui crimini contro l’umanità della Turchia in Siria

68 eurodeputati hanno chiesto la fine del sostegno turco ai gruppi jihadisti, nonché la fine dell’occupazione illegale dei territori siriani del nord e dell’est. I deputati hanno anche chiesto al presidente Sassoli di inviare una delegazione speciale nel nord e nell’est della Siria.

68 membri del Parlamento europeo hanno scritto una lettera a David Sassoli, Presidente del Parlamento, a seguito del Rapporto della Commissione internazionale indipendente d’inchiesta delle Nazioni Unite sulla Repubblica araba siriana, presentato alla Commissione dei diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC) il 14 agosto 2020.

I 68 eurodeputati hanno chiesto la fine del sostegno turco ai gruppi jihadisti, nonché la fine dell’occupazione illegale dei territori siriani del nord e dell’est. Gli eurodeputati hanno inoltre chiesto al presidente Sassoli di inviare una delegazione speciale nel nord e nell’est della Siria “per raccogliere ulteriori informazioni sulla situazione, avviare un dialogo con l’organismo politico dell’AANES e avviare colloqui con le popolazioni che sono fuggite dalle aree contese sotto il regime turco di occupazione.”

Il testo completo della lettera è il seguente:

“Sig. Sassoli, Noi, membri del Parlamento europeo, prendiamo atto del recente Rapporto delle Nazioni Unite della Commissione internazionale di inchiesta indipendente sulla Repubblica araba siriana, presentato alla Commisione dei diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC) il 14 agosto 2020.

Il rapporto afferma che vi sono evidenti violazioni dei diritti umani nella Siria settentrionale. Queste violazioni sono (tra le altre) condotte dalle forze ausiliarie turche come “la Brigata Suleiman Shah”, “la Brigata Hamza” o “la Brigata Sultan Murad”.

Questi gruppi detengono il potere nella regione di Afrin-Al Bab così come nella regione di Tal Abyad-Serekaniye. Le vittime di queste violazioni lamentano varie atrocità che vanno dallo stupro e dalla violenza sessuale ai rapimenti e alle uccisioni extragiudiziali, ecc.

Le vittime, per lo più curde, che potrebbero fuggire da queste atrocità si trovano attualmente nelle regioni dell’Amministrazione Autonoma della Siria Nord-Orientale (AANES).

Chiediamo che il governo turco cessi il suo sostegno politico, economico e militare a tutti i gruppi che sono parte di queste violazioni sistematiche dei diritti umani.

Chiediamo alle forze armate turche e alle loro forze ausiliarie di porre fine alla loro occupazione illegale nel nord della Siria e di ritirarsi dalla regione. Pertanto, chiediamo al Presidente del Parlamento europeo di formare una delegazione speciale di parlamentari eletti per recarsi nelle regioni dell’amministrazione autonoma della Siria nord-orientale non appena le restrizioni di viaggio legate alla pandemia di Covid saranno cessate e le preoccupazioni per la salute durante i viaggii non esistano più.

L’obiettivo di inviare una delegazione sul posto è quello di raccogliere ulteriori informazioni sulla situazione, avviare un dialogo con l’organismo politico dell’AANES e avviare colloqui con le popolazioni che sono fuggite dalle aree contese sotto occupazione turca.

Ciò consentirebbe di indagare sui rapporti dell’UNHRC e di identificare possibili figure responsabili di queste atrocità, di avviare procedimenti penali nell’ambito della Corte penale internazionale.

ALFONSI François (Greens/EFA)

ANDREWS Barry (Renew)

ARENA Maria (S&D)

AUKEN Margrete (Greens/EFA)

BARRENA Pernando (GUE/NGL)

BELLAMY Francois-Xavier (EPP)

BENIFEI Brando (S&D)

BITEAU Benoit (Greens/EFA)

BJÖRK Malin (GUE/NGL)

BOMPARD Manuel (GUE/NGL)

BRGLEZ Milan (S&D)

BULLMANN Udo (S&D)

CAREME Damien (Greens/EFA)

CASTALDO Fabio Massimo (NI)

CHAIBI Leila (GUE/NGL)

CHRISTOFOROU Lefteris (EPP)

CIUHODARU Tudor (S&D)

COMIN I OLIVERES Antoni (NI)

CORMAND David (Greens/EFA)

DELBOS-CORFIELD Gwendoline (Greens/EFA)

DELLI Karima (Greens/EFA)

GEUKING Helmut (ECR)

GRUFFAT Claude (Greens/EFA)

GUSMÃO José (GUE/NGL)

HAUTALA Heidi (Greens/EFA)

HEIDE Hannes (S&D)

INCIR Evin (S&D)

JADOT Yannick (Greens/EFA)

KAILI Eva (S&D)

KANKO Assita (ECR)

KIZILYÜREK Niyazi (GUE/NGL)

KOKKALIS Petros (GUE/NGL)

KONEČNÁ Kateřina (GUE/NGL)

KÖSTER Dietmar (S&D)

MANDL Lukas (PPE)

MARQUARDT Erik (Greens/EFA)

MATIAS Marisa (GUE/NGL)

MAVRIDES Costas (S&D)

MICHELS Martina (GUE/NGL)

MODIG Silvia (GUE/NGL)

PAPADAKIS Demetris (S&D)

PAPADIMOULIS Dimitrios (GUE/NGL)

PINEDA Manu (GUE/NGL)

PONSATI Clara (NI)

PUIGDEMONT Carles (NI)

REGO Sira (GUE/NGL)

RIBA I GINER Diana (Greens/EFA)

RIVASI Michèle (Greens/EFA)

RODRÍGUEZ PALOP Eugenia (GUE/NGL)

ROOKMAKER Dorien (NI)

ROOSE Caroline (Greens/EFA)

SANTOS Isabel (S&D)

SATOURI Mounir (Greens/EFA)

SCHIEDER Andreas (S&D)

SCHOLZ Helmut (GUE/NGL)

SIDL Guenther (S&D)

SINČIĆ Ivan Vilibor (NI)

SMERIGLIO Massimiliano (S&D)

SONNEBORN Martin (NI)

STRIK Tineke (Greens/EFA)

TOUSSAINT Marie (Greens/EFA)

URBAN CRESPO Miguel (GUE/NGL)

VANA Monika (Greens/EFA)

VILLUMSEN Nikolaj (GUE/NGL)

VOLLATH Bettina (S&D)

YENBOU Salima (Greens/EFA)

ŽDANOKA Tatjana (Greens/EFA)

ZVER Milan (PPE)

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Afrin nel 2018 veniva sottoposta all’occupazione dei militari turchi e degli ascari jihadisti. Da allora subisce ininterrottamente repressione, violazioni dei diritti umani e pulizia...

Siria

Il leader del Partito dell’unione democratica (PYD) nel nord della Siria, Saleh Muslim, ritiene che la guerra e l’occupazione delle terre curde abbiano portato...

Siria

Lo Stato turco ha attaccato il villaggio di Elebid a Til Temir con obici intorno alle 18:00 di lunedì. Meryem Xidir Iwês, 10 anni,...

Comunicati

Nel 2011 è nato in Siria un movimento popolare rivoluzionario a causa dell’esclusione e dell’emarginazione che ha portato a una crisi politica in corso...