Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Siria

Il destino dei civili rapiti dallo Stato Islamico a Kobanê non è ancora noto

Tra il 2013 e il 2015 centinaia di civili a Kobanê sono diventati vittime della pratica delle “sparizioni” da parte dello Stato Islamico. I parenti chiedono finalmente chiarimenti sulla sorte delle persone scomparse.

All’inizio del 2013 il cosiddetto Stato Islamico ha utilizzato il vuoto di potere creato dalla “Primavera araba” per espandersi in Siria. Con la ridenominazione di “Stato islamico in Iraq e Siria” (ISIS), è seguita la rottura con la milizia fino ad oggi di maggiore successo di al-Qaeda , il Fronte Al-Nusra.

Tra il 2014 e il 2016 lo “Stato islamico” (IS) è infine diventata l’organizzazione terroristica attualmente più pericolosa. All’epoca sembrava che avrebbe dominato la scena jihadista globale. Nella sola Kobanê, dove la rivoluzione del Rojava era iniziata un anno prima, innumerevoli persone sono state giustiziate o rapite tra il 2013 e il 2015. La pratica delle “sparizioni” ha raggiunto il suo apice durante l’attacco dello Stato Islamico a Kobanê. Anche se il dominio territoriale dello Stto Islamico è ormai crollato e la milizia è considerata in gran parte sconfitta militarmente, centinaia di civili di Kobane sono ancora dispersi. Una di queste persone scomparse è Cîhad Kado. In occasione della Giornata internazionale delle vittime delle sparizioni il 30 agosto, nota anche come il Giorno degli Scomparsi, sua madre Şemse Haçim ha fatto appello agli autori per darle finalmente certezza sul suo destino. Cîhad è stato rapito durante la resistenza di Kobanê.

Il 13 settembre 2014 la città è stata circondata dalla milizia terroristica con fucilieri turchi e attaccata barbaramente di fronte alla comunità internazionale. In pochi giorni quasi 300 villaggi sono stati occupati dallo Stato Islamico. L’attacco ha innescato un’enorme ondata di fuga. Oltre 300.000 persone sono fuggite attraverso il confine turco a Suruç, Urfa.Centinaia di persone rimaste in città hanno opposto un’aspra resistenza agli islamisti pesantemente armati.

“All’epoca avevamo deciso di non lasciare Kobanê. Né mio marito né i miei figli volevano andarsene”, dice Şemse Haçim, che ora ha 60 anni. Vive nel villaggio di Îtwêran, che si trova a sud di Kobanê. “Quando l’IS ha attaccato il nostro villaggio, i mercenari hanno semplicemente portato Cîhad con loro.

Non era un combattente, nemmeno politicamente attivo. Poco dopo hanno preso anche cinque dei suoi cugini “, racconta Haçim. Haçim non ricorda la data esatta del rapimento del figlio. Lei e la sua famiglia si erano già barricate in casa da troppo tempo. Haçim crede che non sia un atto di grande sforzo quello che richiede. “Voglio solo chiarezza sul destino di mio figlio.” Sono passati sei anni dal giorno in cui ha visto Cîhad viva l’ultima volta. “Vivo o morto, dovrebbero semplicemente riportarlo indietro. Lo sto aspettando”, ha detto la 60enne.

Commissione della verità per gli scomparsi

All’inizio dell’anno è stata istituita una commissione per la verità nella Siria settentrionale e orientale per chiarire la sorte di migliaia di persone scomparse. La commissione d’inchiesta è stata costituita su iniziativa di Mazlum Abdi Kobanê, comandante generale delle forze democratiche siriane (SDF). L’obiettivo della commissione è scoprire la verità e stabilire la giustizia. Al momento della fondazione del comitato 3.286 persone “scomparse” da varie regioni del Rojava tra il 2012 e il 2019 erano ancora considerate disperse. 544 di loro sono stati rapiti dallo Stato Islamico, altri 2.368 da gruppi di “opposizione” siriani. Le forze del regime siriano sono responsabili della scomparsa di 374 persone.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...

Diritti umani

I prigionieri politici in Turchia sono in sciopero della fame chiedendo una soluzione democratica alla questione curda. Esra Saçaklıdır dell’IHD di Amed ha parlato...

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...