Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Foza Yûsif (PYD): le dichiarazioni di Assad sono un suicidio politico

“Se non avessimo resistito come abbiamo fatto, oggi Damasco sarebbe la capitale del califfato di Abubakir al-Bagdadi o di Tahrir al-Sham”, ha dichiarato Foza Yûsif del PYD.

La componente del consiglio di copresidenza del Partito dell’Unione Democratica (PYD), Foza Yûsif, ha commentato le ultime dichiarazioni del presidente siriano Bashar al-Assad, che ha ignorato i curdi dicendo che “in Siria non esiste un’istanza del genere, come la questione curda”.

La politica curda è intervenuta durante un programma speciale su Ronahi Tv, in cui ha risposto alle domande di Mihemed Seydî.

Yûsif ha dichiarato: “Non esiste un tavolo in Medio Oriente, e proprio perché tutti i tavoli sono stati rovesciati, c’è così tanta guerra e caos. Ciò che il presidente siriano dice è una ripetizione di ciò che ha detto prima. Conosciamo molto bene queste dichiarazioni e questo approccio. La ragione della guerra di 9 anni che sta devastando la Siria è proprio questa mentalità “.

Affermazioni negazioniste sono una politica fallimentare

Yûsif ha aggiunto: “La Turchia ha qualcosa a che fare con queste affermazioni. Conoscendo la fobia della Turchia verso i curdi, questo è un messaggio in proposito, [Assad] sta dicendo: avviciniamoci su alcune questioni. Questa è una politica molto classica ed è anche fallimentare, condannata al collasso. Non è una politica che porti una soluzione alla Siria. Nelle sue dichiarazioni, Assad afferma che non vi è alcuna questione armena, nessuna questione siriaca, nessuna questione curda e, naturalmente, neanche una questione drusa né sunnita. Quindi va tutto bene; ci si potrebbe chiedere, dunque, qual è il problema in Siria?”.

Yûsif ha continuato: “Ignorare e negare i problemi è davvero un suicidio politico. Affrontare i problemi in questo modo porta a un maggiore intervento straniero e renderà la Siria un secondo Iraq. Tali affermazioni contengono segni negativi, piuttosto che speranze in una soluzione.

Le parole ‘il caso curdo è un caso immaginario’ sono parole che completano le parole di Erdogan, ‘se non ci pensi, non esiste’. Le due frasi hanno effettivamente un denominatore comune, che è la negazione.”

Se neghi un popolo, quella gente ha il diritto di resistere

Yûsif ha continuato: “Se neghi un popolo, quella gente ha il diritto di resistere. Questo atteggiamento trascina la Siria in una situazione ancora peggiore. Perciò queste sono parole che richiedono attenzione. Tutti dobbiamo agire in modo responsabile. Cosa ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone in Siria e costretto milioni di persone a migrare? Questa politica di negazione ha causato una rivolta. Da dove è iniziata la rivolta? È iniziata a Dera. Lì è stata negata la popolazione araba. La situazione, quindi, è ben diversa da quanto dichiarato”.

Yûsif ha continuato: “I curdi non sono venuti dal nulla. I curdi sono stati in questa terra, sono nati qui, sono cresciuti qui. Da quanto tempo abbiamo le nostre radici qui, lasciamolo agli storici. Nel corso della storia, le nostre origini sono state in Mesopotamia. Ma non abbiamo mai detto che questo suolo è solamente nostro. Agiamo sulla base dell’unità dei popoli. Crediamo che sia l’unità dei popoli a garantire l’unità della Siria “.

Stiamo lottando per una soluzione democratica

Ancora una volta, Yûsif ha ribadito: “Stiamo lottando per una soluzione democratica. Lo diciamo da molto prima che arrivasse l’America. Siamo per la soluzione politica e l’unità della Siria. Diciamo sempre la stessa cosa. Lo abbiamo detto mentre avanzavamo e liberavamo luoghi ogni giorno, e lo diciamo oggi di fronte all’occupazione turca.

Non abbiamo invitato alcuna forza straniera in Siria. Se il regime siriano avesse combattuto contro l’ISIS, l’America non sarebbe arrivata. Ad esempio, durante la guerra di Kobanê, l’ISIS attaccò con carri armati siriani. Perché? Perché l’esercito siriano non ha resistito all’ISIS e l’ISIS ci ha attaccato con i suoi carri armati “.

Abbiamo dato più di 500 martiri a Serêkaniyê

Yûsif ha insistito: “Non abbiamo dato alcun motivo agli Stati Uniti di venire qui, né abbiamo dato alcun motivo alla Russia. Lo stesso vale per la Turchia. Il signor Bashar Assad ha affermato che non abbiamo sparato un solo proiettile contro la Turchia. Qualcosa che lascia stupefatti, davvero …

Abbiamo resistito per 2 mesi ad Afrin, abbiamo dato oltre un migliaio di martiri. Abbiamo dato più di 500 martiri a Serêkaniyê. Ad oggi, non abbiamo visto un solo aereo inviato dalla Siria per Idlib. Abbiamo dato 11 mila martiri contro l’ISIS, ma può facilmente dire che non abbiamo sparato neanche un proiettile “.

Evitare dichiarazioni traumatiche

Yûsif ha concluso le sue osservazioni dicendo: “Se non avessimo resistito come abbiamo fatto, oggi Damasco sarebbe la capitale del califfato di Abubakir al-Bagdadi o la capitale di Tahrir al-Sham. Se non avessimo resistito, insieme a Raqqa e Deir ez-Zor avrebbero preso anche Damasco.
Quello che provoca la più grande reazione nella gente, è la negazione. Si dovrebbe prestare attenzione a riguardo. Assad dovrebbe agire con un senso di responsabilità. Dichiarazioni che causano fratture emotive dovrebbero essere evitate “.

Fonte: ANF

Traduzione a cura di Rete Kurdistan Calabria

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Interviste

L’esercito israeliano ha dichiarato ufficialmente guerra per la prima volta dopo 50 anni. Gaza, una città di due milioni di abitanti, viene bombardata pesantemente...

Siria

A causa degli attacchi della Turchia, le infrastrutture della Siria settentrionale e orientale hanno subito danni per 1 miliardo di dollari. Ingenti danni si...

Siria

La giornalista Xeznê Nebî ha affermato che più di 2 milioni di persone a Hesekê sono state colpite dall’interruzione dell’acqua a causa degli attacchi...

Interviste

ANKARA – Affermando che il confederalismo democratico è l’unica soluzione per i problemi del Medio Oriente, la copresidente di HEDEP Tülay Hatimoğulları ha affermato:...