Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Il movimento delle donne protesta contro la „Amnistia per i responsabili di crimini sessuali“

La prossima settimana il Parlamento turco discuterà un disegno di legge sull’impunità per atti sessuali con minorenni. Il movimento delle donne annuncia proteste.Martedì prossimo il Parlamento turco discuterà un disegno di legge sull’impunità per atti sessuali con minorenni. Il disegno di legge già nella sua prima versione del 16 novembre 2016 prevedeva che la pena può essere sospesa se il responsabile sposa una vittima minorenne o l’abuso sessuale ha avuto luogo prima del 16 novembre 2016. Inoltre nell’abuso non devono esserci state „violenza“ o „minacce“ o non devono essere state compiute azioni contro la volontà del minore. Le organizzazioni delle donne all’epoca criticarono che la bozza era contraddittoria e che non si tratterebbe di altro che di una „amnistia per responsabili di crimini sessuali“. Inoltre verrebbero giustificati i matrimoni infantili.

Il governo all’epoca dichiarò di voler risolvere in questo modo problemi giuridici nei matrimoni con minorenni, dato che in Turchia sono stati fatti molti matrimoni infantili illegali. Si era a conoscenza di 3.000 famiglie i cui padri per questo sarebbero stati criminalizzati e messi in carcere. L’intenzione sarebbe stata quella di prendere contromisure, dato che in fin dei conti si tratterebbe di proteggere la famiglia.

Tre anni fa contro la legge erano scese in piazza moltissime persone in tutto il Paese. Una petizione online aveva raggiunto 730.000 firme. In seguito a questo l’AKP fu costretto a ritirare il suo disegno di legge – a livello ufficiale per rivederlo. L’allora Presidente del Consiglio Binali Yildirim dichiarò che l’AKP voleva ascoltare l’opinione dell’opposizione e della società e riformulare il disegno di legge. È dubbio che la bozza sia stata effettivamente rivista.

Con il prossimo dibattito il movimento delle donne in Turchia si prepara di nuovo a una grande ondata di proteste. Finora sono annunciate manifestazioni e proteste a Istanbul, Ankara, Çanakkale, Antalya, Mersin, Izmir, Artvin, Eskişehir, Manisa, Didim, Muğla, Bodrum, Kocaeli, Zonguldak, Trabzon, Samsun, Antakya, Amed (Diyarbakir), Dîlok (Antep), Mêrdîn (Mardin), Riha (Urfa), Êlih (Batman), Ezirgan (Erzincan), Wan (Van) e Şirnex (Şırnak).

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...