Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Appelli

Il giornalista Aziz Oruç fa appello alla solidarietà

Per la prima volta dal suo arresto in Turchia, Aziz Oruç ha potuto parlare dell’entità di tutto ciò che ha vissuto. Il giornalista curdo aveva chiesto asilo politico in Armenia e in seguito a questo era stato estradato in Iran.

Quattro giorni fa, il giornalista curdo Aziz Oruç è stato arrestato a Bazîd (Doğubayazıt) nella provincia di Agirî (Ağrı) in Kurdistan del nord. Aveva cercato di arrivare in Europa dall’Iran, passando per l’Armenia per chiedere asilo politico. Sul confine armeno-iraniano è stato arrestato e torturato. La sua richiesta di asilo poi presentata a causa della situazione di difficoltà, non è stata m nemmeno trasmessa alle autorità competenti. Oruç è stato invece consegnato alle forze di sicurezza iraniane. Dopo un nuovo arresto sul lato iraniano del confine, nuove torture e una multa, Oruç alla fine è stato rilasciato, scalzo, sul confine turco. Lì è riuscito a raggiungere deputati del Partito Democratico dei Popoli (HDP) per chiedere aiuto. I politici locali dell’HDP avvisati, Abdullah Ekelek e Muhammet Ikram Müftüoğlu sono arrivati sul posto Aziz Oruç, semicongelato, aveva ormai raggiunto. Mentre sul ciglio della strada aspettavano un taxi che doveva riportare Oruç dalla sua famiglia, sono stati improvvisamente gettati a terra e arrestati dalla polizia che gli ha ammanettato le mani dietro la schiena. Da quel momento Aziz Oruç si trova in custodia. Solo sabato ha potuto ricevere per la prima volta una visita di avvocati e raccontare tutto ciò che gli è successo. Ekelek e Müftüoğlu intanto sono in carcere. Contro di loro sono state mosse accuse di terrorismo.

Aziz Oruç l’8 dicembre si è recato in Iran dalla città di Silêmanî in Kurdistan del sud. Nel tentativo di raggiungere l’Armenia attraversando il confine è stato bloccato dalla polizia armena. „Con il pretesto che il mio passaporto fosse falso, sono stato arrestato. Poi sono stato isolato in una stanza per diverse ore. Sono stato minacciato e esposto a violenza fisica. Ho dichiarato di essere un giornalista e che volevo andare in Europea per via di un mandato di cattura emanato contro di me in Turchia. Inoltre ho chiesto asilo politico in Armenia. Alle mie richieste tuttavia è stato risposto con minacce. Sono stato ammanettato e minacciato di essere trasferito in Iran perché li venissi ‚impiccato‘. Poi sono stato consegnato ai servizi segreti iraniani. Dopo una custodia di due giorni, sono stato portato davanti a un tribunale iraniano che mi ha imposto una multa di 1,8 milioni di Rial iraniani e ordinato la mia espulsione.“

Consegnato a morte certa

A seguito di questa decisione, Oruç non è stato consegnato alla Turchia, ma abbandonato a circa un chilometro dal confine. Riferisce: „Nel mezzo della notte sono stato messo sulla strada nella zona di confine turco-iraniana. Volevano che mi arrampicassi sul recinto di filo spinato e entrassi illegalmente in Turchia. Nonostante le proteste da parte mia, mi hanno lanciato oltre il recinto di confine. Sono rientrato più volte in territorio iraniano per attraversare legalmente il confine con la Turchia riportando ferite. Ma la mia richiesta è stata rifiutata. Sono stato invece consegnato a morte certa. Quindi sono andato a Bazîd.“ Gli avvocati di Oruç attualmente si preparano a passaggi legali contro l’Iran e l’Armenia, dato che le forze di sicurezza di entrambi i Paesi hanno leso il diritto di asilo del loro cliente.

Ora più che mai solidarietà con Aziz Oruç

Un messaggio che Oruç, che nei media vicini all’AKP su spinta del Ministero degli Interni turco viene definito terrorista, attraverso la sua assistenza legale ha potuto rendere pubblico recita: „Come giornalista per anni ho cercato di essere una voce dei popoli. Dopo pesanti condizioni di isolamento in Armenia e in Iran, ora lo stesso mi sta succedendo in Turchia. Sono arrivato a un punto in cui più che mai ho bisogno della solidarietà delle persone. Nella speranza di poterci rivedere in un futuro libero.“

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...