Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

FDS: Invasione è minaccia esistenziale per i Suryoye

La minoranza cristiana a Til Temir con la guerra di aggressione della Turchia si trova di fronte a una minaccia esistenziale. Le FDS, MFS e le Forze di Difesa delle Donne Bethnahrin invitano la Comunità Internazionale ad agire.

La minoranza cristiana in Siria del nord e dell’est, in particolare nel distretto di Til Temir (Tell Tamer) a nord di Hesekê, con l’invasione turco-jihadista si trova di fronte a una minaccia esistenziale. Lo hanno fatto notare i portavoce delle Forze Democratiche della Siria (FDS), del Consiglio Militare Assiro (MFS) e delle Forze di Difesa delle Donne (HSBN) venerdì in una conferenza stampa congiunta.

Il portavoce FDS Kino Gabriel ha fatto notare che gli attacchi del partner Nato Turchia e delle sue milizie islamiste intendono distruggere l’identità dei suryoye (aramei, assiri e caldei) e i loro valori storici e culturali. Abgar Yacoub come portavoce dell’MFS ha dichiarato: „Questi attacchi della Turchia hanno innescato una catena di catastrofi. Dozzine, se non centinaia di civili sono stati uccisi, molti altri sono stati feriti. Inoltre grandi parti dell’infrastruttura sono state distrutte in modo sistematico. Senza tenere conto degli accordi raggiunti con la Russia e gli USA, la Turchia continua senza diminuzione i suoi attacchi nella regione. A fronte di questo le FDS rispettano la tregua. Noi chiediamo quindi alla Comunità Internazionale, così come alla Russia e agli USA di adempiere alle loro responsabilità e a proteggere la popolazione da attacchi“, così Yacoub.

La portavoce delle Forze di Difesa delle Donne Bethnahrin, Nisha Gewriye ha notato che lo Stato turco dichiara le sue intenzioni genocide in modo molto aperto. „In parallelo a questo la Turchia persegue una politica di femminicidio che minaccia tutte le donne suryoye. Noi non abbiamo dimenticato il Seyfo (genocidio dei cristiani siriani) nell’anno 1915 sotto la responsabilità degli ottomani. Non abbiamo dimenticato neanche gli 1,5 milioni di morti nel genocidio degli armeni. Oggi lo Stato turco vuole di nuovo commettere massacri come questi e a questo scopo prende di mira in particolare le donne. Noi come Forze di Difesa delle Donne di Bethnahrin però non arretreremo dai fronti fino a quando l’invasione turca non sarà spezzata e l’esistenza dei nostri popoli sarà minacciata.“

Fonte: ANF

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...