Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Richiesta di intervento urgente per salvare la vita di Çiçek Kobanê

Lettera inviata alle autorità italiane a nome della Rete Kurdistan Italia

Nel frattempo da un Tweet dell’agenzia stampa Rudaw delle ore 12.42 che fa riferimento a notizie date dai media turchi, Çiçek Kobanê, sarebbe viva e sarebbe stata trasferita in Turchia per cure mediche. Non risultano attualmente conferme ufficiali da fonti legate al movimento delle donne curde. Resta comune la preoccupazione per la sua sorte, vista la provata grave e reiterata violazione dei diritti umani nelle carceri turche, in particolare per quanto riguarda curde e curdi. Resta quindi confermata la necessità di vigilare sulla sua situazione e sul rispetto dei diritti umani e della dignità di questa coraggiosa donna.

La Redazione di Rete Kurdistan Italia

Testo della lettera inviata:

Al Presidente del Consiglio on. Giuseppe Conte

Ufficio del Segretario Generale: segrgen@governo.it

Ufficio del consigliere diplomatico: segrcd@governo.it

Ufficio stampa e del portavoce:segrcd@governo.it

Ufficio stampa e del portavoce: ufficio_stampa@governo.it

Ufficio del Consigliere militare: ucm@palazzochigi.it

Al Ministro degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale on. Luigi di Maio

Segreteria Generale: segreteria.generale@esteri.it

Direzione generale per gli affari politici e di sicurezza: dgap.segreteria@esteri.it

Direzione generale per l’Unione Europea: dgue.segreteria@esteri.it

Al Ministro della Difesa On. Lorenzo Guerini

Segretariato Generale della Difesa sgd@sgd.difesa.it

Al Rappresentante Militare italiano presso i Comitati militari della NATO e dell’UE Generale di Squadra Aerea Roberto Nordio

Rappresentanza Permanente d’Italia presso il Consiglio Atlantico: rappnat.mail@esteri.it

Servizio Stampa: natobruxelles.stampa@esteri.it

Oggetto: Richiesta di intervento urgente per salvare la vita di Çiçek Kobanê, prigioniera delle truppe ausiliarie dell’esercito turco in Siria del nord

Da fonti ufficiali e verificate risulta che a seguito dell’attacco dell’esercito turco del 21 ottobre alle ore 21.00 contro il villaggio di Mişrefa in Siria del nord, durante il periodo di tregua pattuito tra USA e Turchia, la combattente delle Unità di Difesa delle Donne YPJ, Çiçek Kobanê, dopo essere rimasta ferita a una gamba in combattimento, è stata fatta prigioniera dalle truppe ausiliare del cosiddetto “Esercito Nazionale Siriano” che al fianco dell’esercito turco sono impegnate nell’operazione militare denominata “Fonte di Pace” in corso dal 9 ottobre scorso in Siria del nord e dell’est, in spregio delle norme del diritto internazionale.

Çiçek è originaria di Kobanê e ha preso parte come combattente alla lotta contro Stato Islamico (IS) e attualmente è impegnata nella resistenza contro l’invasione turca sul fronte di Ain Issa. Come è noto dalle notizie riferite dai media, nonostante la tregua, gli attacchi dello Stato turco e delle sue truppe ausiliarie sono in corso anche adesso.

Nei giorni scorsi i sequestratori di Çiçek Kobanê, presumibilmente appartenenti alla milizia Ahrar al-Sham / Battaglione Darat Izza (Dar Taizzah), hanno diffuso foto e video della sua cattura, con il preciso intento di umiliare lei e con lei tutte le donne, e annunciato apertamente l’intenzione di giustiziarla.

In vista della gravità della situazione, è necessario un intervento della massima urgenza per salvare la vita di Çiçek Kobanê.

Chiediamo pertanto ai destinatari di questo messaggio di convocare con urgenza l’ambasciatore della Repubblica di Turchia in Italia e il rappresentante militare turco presso i Comitati militari della NATO, perché Çiçek Kobanê venga immediatamente liberata, consegnandola a rappresentanti delle organizzazioni umanitarie presenti sul territorio.

Per ulteriore riferimento riportiamo di seguito alcune delle notizie pubblicate in lingua italiana sulla sorte di Çiçek Kobanê:

https://www.retekurdistan.it/2019/10/25/ypj-lattacco-a-cicek-kobane-e-un-attacco-a-tutte-le-donne/

https://www.retekurdistan.it/2019/10/26/kongreya-star-cicek-kobane-deve-essere-immediatamente-liberata/

https://www.globalist.it/intelligence/2019/10/26/salvate-cicek-kobane-la-combattente-curda-nelle-mani-delle-milizie-filo-erdogan-2048165.html

https://www.dire.it/25-10-2019/383042-siria-le-unita-curde-salvate-cicek-la-combattente-di-kobane/

https://www.redattoresociale.it/article/home/le_unita_curde_salvate_cicek_la_combattente_di_kobane

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/26/altro-che-tregua-i-jihadisti-rapiscono-le-donne-dellypj/5533937/

Confidando nel fatto che in vista della gravità della situazione questa nostra riceverà con la massima urgenza la dovuta attenzione da parte delle autorità competenti e che quindi vedrà un altrettanto pronto intervento, porgiamo distinti saluti.

Rete Kurdistan Italiana

Contatti: info@retekurdistanitalia.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Il 12 marzo ricorre l’anniversario di due massacri commessi contro il popolo curdo; uno perpetrato dallo Stato turco nel quartiere Gazi di Istanbul (1995)...

Iniziative

L’evento ospiterà un dibattito tra Zilan Diyar, giornalista e attivista del movimento delle donne curde e Francesca Patrizi ufficio informazioni del Kurdistan in Italia....