Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Amministrazione Autonoma raggiunge un accordo con Damasco

Nell’ambito di un accordo tra l’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est e Damasco è stato concordato che forze del regime siriano si faranno carico della sicurezza del confine e sosterranno le FDS contro l’aggressione turca.Come fa sapere l’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est, è stato raggiungo un accordo con il governo siriano. Le forze del regime siriano sosterranno le Forze Democratiche della Siria (FDS) contro gli attacchi invasivi dello Stato turco e si faranno carico della sicurezza del confine. Inoltre è stato concordato che anche tutti gli altri territori della Siria occupati dalla Turchia e dai suoi partner jihadisti andranno liberati insieme.

„L’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est rappresentata dalle sue Forze Democratiche composte da tutte le componenti delle zone autogovernate, dal 2014 combattono il terrorismo. Questa lotta di liberazione contro l’organizzazione terroristica (si intende Stato Islamico NdR) è iniziata a Kobanê e è proseguita a Minbic a ovest dell’Eufrate, Girê Spî (Tall Abyad) e Tabqa. Si è estesa fino all’autoproclamata „capitale” del cosiddetto califfato, Raqqa, e alla fine si è conclusa dopo cinque anni di resistenza, il 23 marzo 2019 a Deir ez-Zor. Il territorio liberato corrisponde a un terzo di tutta la Siria. La vittoria sul gruppo terroristico è costata la vita a 11.000 combattenti FDS e ha lascito 24.000 invalid* di guerra, tra cui molt* hanno riportato danni permanenti. Abbiamo pagato un prezzo elevato per liberare i popoli della Siria dall’oppressione e dalla brutalità di questa organizzazione terroristica e salvaguardare l’integrità territoriale della Siria.

Il nostro progetto politico in Siria del nord e dell’est non mira a una divisione. Per una soluzione pacifica della crisi siriana abbiamo sempre invitato al dialogo e continuiamo a farlo. Non abbiamo attaccato nessun nostro vicino, in particolare non la Turchia. Nonostante questo continua a definirci terroristi, mentre è stata la stessa Turchia che dall’inizio della crisi ha svolto un ruolo guida nella diffusione del terrorismo in Siria. Oggi è proprio questa Turchia che penetra nel territorio liberato con il sangue delle FDS.

Negli ultimi cinque giorni sono stati commessi orrendi crimini nei confronti di civili disarmati. Le FDS hanno reagito con dignità e coraggio per salvaguardare l’integrità della Siria, cosa che però gli è costata altr* cadut* e ferit*. La Turchia intanto continua i suoi attacchi invasivi.

Conseguentemente abbiamo stipulato un accordo con il governo siriano che ha il dovere di proteggere i confini del Paese e di mantenere la sovranità della Siria. L’esercito siriano sulla base di questo accordo impiegherà le sue forze nella striscia di confine tra la Siria e la Turchia. Le forze del regime sosterranno le FDS nel respingere l’aggressione turca e nel liberare i territori occupati dall’esercito turco e dai suoi mercenari. Questo accordo offre la possibilità di liberare tutte le zone e città siriane occupate – per esempio Afrin.

In questo senso annunciamo a tutti i popoli della Siria del nord e dell’est, in particolare alla nostra popolazione nella striscia di confine, l’accordo raggiunto. L’esercito siriano entrerà nella regione in modo coordinato con l’Amministrazione Autonoma.”

Fonte: ANF

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...