Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Domanda a Davutoğlu: Perché siamo stat* assassinat*?

In tre città della Turchia l’ex Primo Ministro Ahmet Davutoğlu è stato invitato a rendere pubblico ciò che sa su sanguinosi attacchi del 2015.La scorsa settimana l’ex Primo Ministro turco Ahmet Davutoğlu con riferimento al periodo tra le elezioni de 7 giugno e del 1 novembre 2015 aveva dichiarato: „Se vengono aperti i fascicoli sulla lotta anti-terrorismo, molte persone non potranno più osare farsi vedere in pubblico.“ L’allusione suggerisce che il politico AKP sia a conoscenza di informazioni sui sanguinosi attacchi che non sono state rese pubbliche.

I famigliari delle vittime degli attentati a Pirsûs (Suruç), Ankara e Amed (Diyarbakir) invitano Davutoğlu dire quello che sa. In conferenze stampa tenute in contemporanea a Istanbul, Ankara e Amed hanno posto la domanda: „Perché e come siamo stat* assassinat*?“

Davutoğlu era un componente importante del governo che in base al suo accenno sarebbe coinvolto in „questioni oscure“, è stato detto nella dichiarazione comune delle tre iniziative. „Noi non chiediamo quello che è successo in quel periodo perché lo sappiamo fin troppo bene. Noi chiediamo come è successo. Ci rivolgiamo a Davutoğlu e al potere politico dal quale è arrivato: durante il suo periodo di governo il nostro Paese è stato luogo di transito per gli jihadisti più sanguinosi di tutta la storia. I militanti di IS qui potevano muoversi liberate, in alcune zone eseguivano perfino controlli dei documenti. La Turchia è diventata una zona confortevole per loro, nella quale potevano organizzarsi a loro piacimento e dove non sono stati seriamente perseguiti dal punto di vista giuridico.“

I processi sugli attacchi a Pirsûs, Amed e Ankara non sono ancora conclusi. I famigliari delle vittime chiedono a Davutoğlu: „Lei sta riflettendo su come si deve comportare un politico che abbia un senso di responsabilità nei confronti della popolazione e di chiarire le sue affermazioni in un’aula di tribunale? O progetta di usare quello che sa come atout nella sua lotta contro l’AKP? Renda pubblico perché e come siamo stat* assassinat* tra il 7 giugno e il 1 novembre.“

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...