Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it
ANF Images

Diritti umani

Azione contro espulsioni dalla Turchia

L’iniziativa „Noi vogliamo vivere insieme“ ha tenuto un’azione di protesta davanti al teatro dell’opera di Süreyya a Kadıköy contro l’espulsione dalla Turchia verso la Siria.L’iniziativa „Noi vogliamo vivere insieme“ davanti al teatro dell’opera Süreyya nel quartiere di Kadıköy a Istanbul ha inscenato un’azione di protesta contro il governatore di Istanbul di espellere persone in cerca di protezione da Istanbul nelle zone dove sono state registrate o anche in Siria, ovvero nella Efrîn occupata. Le e gli attivist* sono stati circondati dalla polizia facendo sì che l’azione si svolgesse all’interno dell’accerchiamento. Con cartelli con scritte come „Basta con le espulsioni“, „No al razzismo“, „Confini aperti, libertà per i profughi“, „Noi vogliamo vivere insieme“, „Per un mondo senza classi e senza confini“ le e gli attivist* hanno espresso le loro richieste.

Özgül Saki dell’iniziativa, ha letto una dichiarazione, facendo notare le perquisizioni di posti di lavoro e abitazioni e i massicci controlli. Persone in cerca di protezione con la coercizione o con l’inganno vengono portati a acconsentire al loro „rimpatrio volontario“ e vengono espulse. Continuamente si verificano violazioni di diritti e maltrattamenti. Saki ha criticato la politica dlela Turchia sui profughi come non orientata ai diritti umani, ma alla politica di sicurezza. I profughi attraverso decisioni arbitrarie, motivate politicamente, vengono ridotti a numeri che devono essere tenuti sotto controllo. Alle persone in cerca di protezione è praticamente reso impossibile ottenere un titolo di soggiorno prolungato. Rispetto alle affermazioni del governo che le persone in cerca di protezione sono ospiti, Saki dice: „Noi crediamo che le persone in cerca di protezione non debbano essere consegnate alla clemenza della politica, ma messe sotto la protezione del diritto.“

Noi non saremo complici!

Persone in cerca di protezione in Turchia da un lato vengono criminalizzate come „clandestini“, dall’altro viene preso di mira anche chi le sostiene. Saki prende posizione in proposito e dice: „La solidarietà non si fa criminalizzare! Noi siamo determinati a prendere posizione contro questa politica dell’odio discriminatoria e ci schieriamo contro il razzismo e per i diritti umani! Noi non saremo parte di questo crimine!“

Fonte; ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...