Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Haco: Se la Turchia attacca, IS viene di nuovo rafforzato

Ali Haco, co-Presidente del Comitato per gli Affari Interni della Siria del Nord e dell’Est ammonisce che il controllo sugli jihadisti di IS detenuti nel caso di un attacco turco potrebbe diventare difficile.Dopo la sconfitta di Stato Islamico (IS) le minacce della Turchia contro la Siria del nord e dell’est sono aumentate. Ali Haco, co-Presidente del Comitato per gli Affari Interni della Siria del Nord e dell’Est ammonisce che un attacco della Turchia alla regione potrebbe nuocere alla sicurezza e alla stabilità in tutto il mondo.

La Turchia teme il modello della Nazione Demcoratica“

L’Amministrazione Autonoma è un ostacolo per piani neo-ottomani della Turchia, spiega Haco: „Per questo minacciano continuamente la regione. La Turchia sostiene che il suo Paese e la sua sicurezza sarebbero in pericolo, ma finora non c’è stata alcuna lesione di diritti da parte dell’Amministrazione Autonoma nei confronti della Turchia. Lo sanno tutti. L’unica ragione per le minacce della Turchia è la sua paura del modello della Nazione Democratica.“

IS si riorganizza

Haco ammonisce: „La Turchia è in cima alla lista degli Stati che sostengono il terrorismo. La Turchia considera la pace e la tranquillità nelle regioni autonome una minaccia. Con le minacce vuole mobilitare le cellule dormienti di IS e dare nuova vita a IS. Se ci sarà un attacco nella regione, si produrrà un grave rischio per la sicurezza e diventerà difficile mantenere il controllo sulle migliaia di jihadisti di IS detenuti. Allora IS si riorganizzerà. Questo metterà in pericolo la sicurezza e la stabilità non solo nella regione, ma in tutto il mondo.“

I problemi vanno risolti con il dialogo, ha ribadito Heco e che nel caso di un attacco ci si difenderà.

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Diritti umani

I resti di 139 persone che si ritiene siano state massacrate dall’Isis sono stati ritrovati in una fossa comune a Tal Afar, a ovest...