Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Dichiarazione finale del Forum Internazionale su ISIS

Il Centro del Rojava gli Studi Strategici del Rojava (NRLS) ha invitato oltre 200 persone, tra cui politici, ricercatori e rappresentanti di istituzioni della società civile da diversi Paesi.Il “Forum Internazionale su ISIS: Dimensioni, Sfide e Strategia di Confronto”, si è chiuso ad Amude lunedì sera.

Tre giorni di dibattiti, discussioni, testimonianze e proposte, che hanno riunito centinaia di persone da tutto il mondo.

Il Centro del Rojava gli Studi Strategici (NRLS) ha invitato oltre 200 persone, tra cui politici, ricercatori e rappresentanti di istituzioni della società civile da diversi Paesi.

Nel corso di tre giorni i e le partecipanti hanno discusso vari aspetti del terrorismo di ISIS, compresi quelli politici, storici, militari, di sicurezza, culturali, religiosi, economici, sociali e relativi ai diritti umani, così come la questione delle donne a persecuzione delle donne, con contributi diretti, scritti o in video e dibattiti.

Partecipanti che non hanno potuto essere presenti di persona al forum hanno contribuito con video, lettere e messaggi.

I e le partecipanti in una dichiarazione finale hanno detto di aver “apprezzato il ruolo pionieristico svolto dalle Unità di Difesa del Popolo e delle Donne (YPG e YPJ) e dalla Forze Siriane Democratiche (FSD) mettendo fine alla presenza fisica di ISIS con il sostegno della Coalizione Internazionale contro il Terrorismo. Hanno anche lodato le condizioni di sicurezza e stabilità di cui godono le aree di autogoverno nel nord e nell’est della Siria.”

La dichiarazione finale è la seguente:

“Noi come amministrazione del Centro del Rojava per gli Studi Strategici (NRLS), esprimiamo i nostri profondi ringraziamenti ed apprezzamenti a tutte e tutti i e le partecipanti e alle loro valide discussioni e argomenti; proponiamo alla Comunità Internazionale le nostre più importanti decisioni comuni. Mirano all’abbattimento completo di IS e a impedire qualsiasi riorganizzazione.

Di seguito le raccomandazioni:

1. Per mettere fine al terrorismo di IS su base militare, ideale, culturale, economica e sociale, la coalizione internazionale e la comunità internazionale devono creare un’alleanza strategica.

2. Per impedire una riorganizzazione di ISIS il sistema di sicurezza nella regione deve essere rafforzato. A questo scopo l’Amministrazione Autonoma va sostenuta in tutti i settori.

3. Le Unità di Difesa del Popolo e delle Donne e dalle Forze Siriane Democratiche hanno compiuto enormi sforzi per poter salvare il mondo dal terrorismo. Nonostante lo stato di guerra nella regione, l’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est ha costruito una nuova amministrazione. Ciò nonostante, questo sistema che rappresenta il 30 percento della popolazione è stato tenuto lontano gli incontri per una soluzione della crisi siriana. Questo ha inciso negativamente sulla situazione politica della Siria. Per questo le potenze internazionali e gli Stati devono coinvolgere l’amministrazione politica autonoma del nord e nell’est della Siria in un processo di dialogo.

4. Per una soluzione politica alla crisi siriana e per prosciugare le fonti dalle quali gruppi radicali e IS traggono forza, è indispensabile un sistema democratico. Su questa base la nazione democratica è il progetto di soluzione e di pace.

5. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU deve dare seguito alle sue decisioni per l’abbattimento di IS. Per fare giustizia deve essere istituito in tribunale internazionale in Siria del nord e dell’est per perseguire le migliaia di membri di ISIS e le loro famiglie. La coalizione internazionale deve fornire sostegno materiale e logistico per assistere l’amministrazione autonoma nella sua realizzazione.

6. In considerazione dei crimini commessi da IS contro le donne è necessario un sistema politico e sociale che protegga la libertà e la dignità della donna e garantisca i suoi diritti in tutti gli ambiti.

7. In considerazione degli effetti del terrorismo di IS, tutti i bambini vanno considerati vittime di guerra e reinseriti nel sistema formativo. Ai bambini va garantito un futuro sicuro.

8. Le dimensioni morali e umaniste delle religioni devono essere messe in primo piano e trasmesso solo un Islam democratico a fronte dell’Islam radicale.

9. A fronte dei massacri di IS nei confronti di ezide ed ezidi a Shengal al genocidio da parte di ISIS, è necessario che le Nazioni Unite riconoscano questo genocidio e garantiscano i diritti degli ezidi in Iraq riconoscendo i loro diritti e rispettando le loro scelte. Inoltre la popolazione deve essere protetta da nuovi massacri.

10. Afrin le organizzazioni succedute a IS e a-Nusra sostenute dalla Turchia eseguono pulizie etniche e cercano di modificare la demografia della regione. La lotta contro questi gruppi è di grande importanza per la sicurezza della regione e del mondo nel suo complesso.

11. Rendere il 23 marzo, il giorno della fine di ISIS, la Giornata Internazionale per Celebrare l’Eliminazione di IS.”

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Afrin nel 2018 veniva sottoposta all’occupazione dei militari turchi e degli ascari jihadisti. Da allora subisce ininterrottamente repressione, violazioni dei diritti umani e pulizia...

Siria

Il leader del Partito dell’unione democratica (PYD) nel nord della Siria, Saleh Muslim, ritiene che la guerra e l’occupazione delle terre curde abbiano portato...

Siria

Lo Stato turco ha attaccato il villaggio di Elebid a Til Temir con obici intorno alle 18:00 di lunedì. Meryem Xidir Iwês, 10 anni,...

Comunicati

Nel 2011 è nato in Siria un movimento popolare rivoluzionario a causa dell’esclusione e dell’emarginazione che ha portato a una crisi politica in corso...