Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Ai prigionieri da Xarpêt vengono negate le cure

A circa 150 prigionieri politici reclusi nel carcere di massima sicurezza di Xarpêt dopo la fine dello sciopero della fame vengono negate le cure mediche.

A circa 150 prigionieri reclusi nel carcere di massima sicurezza di Xarpêt (Elazığ) che fino ad oggi sono stati in sciopero della fame contro le condizioni di isolamento del precursore curdo Abdullah Öcalan, vengono negate le cure mediche.

Il carcere nella provincia di Xarpêt nel Kurdistan del nord è noto per i comportamenti arbitrari e repressivi nei confronti di prigionier* dei processi PKK e PAJK. Rispetto al suo operato, la direzione del carcere ha dichiarato che non erano stati fatti preparativi. Inoltre gli ospedali non sarebbero stati informati, quindi non sarebbe possibile alcun trasporto di detenuti, lo ha comunicato alla nostra agenzia l’avvocata Gülşen Özbek dopo un colloquio con i prigionieri interessati. Özbek ha sottolineato che in particolare le condizioni di sei prigionier*, tra cui Remziye Karabudağ che hanno partecipato complessivamente per quattro mesi alla resistenza nelle carceri, si trovano in una condizione estremamente critica.

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...