Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iniziative

Continua la Marcia per la Libertà

Dopo aver dato il via alla “Marcia per la Libertà-Resistere per vivere”, iniziata a Milano lo scorso 20 maggio, gli attivisti curdi continuano, passo dopo passo lungo la via Vecchia Emilia, imperterriti e determinati nella loro manifestazione.

Sono in 6, provenienti dal Kurdistan turco, ed hanno deciso di dare avvio a questa dimostrazione in supporto di Leyla  Güven , (deputata del Partito Democratico dei Popoli, HDP ) e co-Presidente dell’associazione della società civile DTK, la quale ha dato inizio lo scorso 8 Novembre, dal carcere di Amed (Diyarbakir), ad uno sciopero della fame a tempo indeterminato con un’unica richiesta: il rispetto dei diritti fondamentali per i dissidenti politici nelle carceri turche e la fine dell’isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan. A questa protesta si sono uniti in altri 7.000 prigionieri politici e decine di attiviste e attivisti in tutto il mondo. Anche qui in Italia, il 21 marzo scorso, in occasione della festività del Newroz (capodanno curdo), Erol Aydemir, un giovane rifugiato curdo che attualmente si trova a Roma presso il Centro Socio-Culturale Curdo Ararat, ha iniziato uno sciopero della fame a tempo indeterminato. Per la prima volta, 30 dei prigionieri nelle scorse settimane hanno trasformato lo sciopero della fame in digiuno fino alla morte.

Il motivo?

Chiedono il rispetto dei diritti umani, della legislazione internazionale e della Costituzione della Turchia, nonché la fine dell’isolamento quale strumento di tortura che si concretizza in trattamenti disumani e degradanti della persona.

Per dare voce a coloro che sono in sciopero della fame la Comunità Curda in Italia continua con questa marcia che prevede le seguenti tappe: Piacenza (24 maggio), Fiorenzuola (25 maggio), Fidenza (26 maggio), Parma (27 maggio), Reggio Emilia (28 maggio), Modena (29 maggio), Bologna (31 maggio) con arrivo a Firenze il 5 giugno.

In ciascuna città sono previste iniziative ed una serie di incontri con le strutture solidali con la lotta del popolo curdo, associazioni, partiti, sindacati e organizzazioni della società civile, nonché con le istituzioni locali per dare visibilità a quanto sta accadendo in Turchia.

Rete Kurdistan Italia

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...