Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Conferenza stampa- Avvocati ufficio legale Asrin incontrano Abdullah Ocalan

Si è appena conclusa la conferenza stampa indetta dagli avvocati dell’Ufficio Legale di Asrin, i quali sono riusciti ad incontrare per la prima volta dopo 8 anni il Presidente Abdullah Ocalan. In data 2 maggio, a due dei quattro avvocati che avevano fatto la richiesta è stato permesso di avere un incontro con il Presidente Ocalan. Gli è stato però impedito di vedere gli altri detenuti, incarcerati presso lo stesso penitenziario. Come ogni lunedì anche le famiglie avevano richiesto di incontrare i propri parenti detenuti, ma le loro richieste sono state rifiutate.

La visita avvenuta lo scorso 2 maggio non comporta alcun cambiamento alle politiche del governo turco. I diritti fondamentali dei detenuti continuano ad essere violati e le loro condizioni risultano non essere cambiate.

Durante questo incontro,  A. ÖCALAN  e i tre detenuti H. YILDIRIM, Ö. H. KONAR, V. AKTAŞ hanno presentato la seguente dichiarazione:

Annuncio pubblico

È necessario avere un profondo consenso sociale nel processo storico che stiamo attraversando.

Nella soluzione dei problemi, c’è bisogno di un metodo di negoziazione democratico lontano da tutti i tipi di polarizzazione e cultura dei conflitti.

Possiamo risolvere i problemi della Turchia e della regione, non con la guerra, non con strumenti che veicolino la violenza fisica, ma con “soft power”, ossia con una forza di intelligenza politica e culturale.

Abbiamo fiducia che le forze democratiche siriane (SDG) nell’ambito del combattimento in Siria, siano in grado di risolvere i problemi evitando la cultura del conflitto; la posizione dovrebbe essere finalizzata a risolvere la situazione nel quadro dell’integrità della Siria e nella prospettiva della democrazia locale garantita costituzionalmente. In questo contesto, è altresì necessario che vengano viste le sensibilità della Turchia.

Vogliamo sottolineare inoltre che ammiriamo la resistenza degli amici dentro e fuori le prigioni; proprio per questo motivo vorremmo evidenziare che tale resistenza non dovrebbe portarli al punto in cui metterebbero a rischio la loro salute, fino a condurli alla morte. Per noi, la loro salute mentale, fisica e spirituale viene prima di tutto. Crediamo anche che l’approccio più significativo sia legato ad approfondire lo sviluppo spirituale e del pensiero.

La nostra posizione ad İmralı è determinata nel continuare ad approfondire il metodo ed il modo, sulla base di quanto affermato con la Dichiarazione di Newroz del 2013.

Per noi è essenziale una pace onorevole e una soluzione di politica democratica.

A tutti coloro i quali erano curiosi sulla nostra condizione ad Imrali e che hanno preso una posizione prendendosi cura di noi, vi ringraziamo per l’ascolto, vi portiamo rispetto e vi ringraziamo tantissimo.”

In base a quanto sostenuto dagli avvocati, le richieste degli scioperanti non sono state ancora accolte dal Governo turco. Per questo chiediamo a tutta l’opinione pubblica, alle istituzioni europee ed italiane, di continuare a fare pressione alla Turchia affinché accetti le richieste dei detenuti politici. Chiamiamo ora più che mai la popolazione italiana e la società civile di continuare ad appoggiare la lotta degli scioperanti e che ci aiuti a rompere questo isolamento con le mobilitazioni.

 

Ufficio d’informazione del Kurdistan in Italia

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Il 12 marzo ricorre l’anniversario di due massacri commessi contro il popolo curdo; uno perpetrato dallo Stato turco nel quartiere Gazi di Istanbul (1995)...

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...