Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Le condizioni di salute di una giornalista in sciopero della fame sono critiche

La situazione delle prigioniere politiche in sciopero della fame Kibriye Evren, Hilal Ölmez und Evin Kaya peggiora a vista d’occhio. La giornalista Evren ormai vomita sangue. Già da 152 giorni la deputata HDP e co-Presidente del Congresso della Società Democratica DTK Leyla Güven ha iniziato uno sciopero della fame per la rimozione dell’isolamento del fondatore del PKK Abdullah Öcalan sull’isola carcere turca di Imrali. Alla protesta della 55enn Güven si sono uniti oltre a numeros* attivist*, anche circa 7.000 prigionieri dei processi PKK e PAJK in Turchia. Ad Amed (Diyarbakir), Hewlêr (Erbil), Silêmanî, Mexmûr e anche in numerose città europee sono in corso scioperi della fame con il motto „Le richieste di Leyla Güven sono anche le nostre“.

Le attiviste Elif Kaya e Hilal Sönmez recluse nel carcere di Amed e la giornalista Kibriye Evren si sono unite alla protesta di massa in corso a livello nazionale il 16 dicembre. Le sue condizioni di salute dopo quasi quattro mesi di rifiuto del cibo sono peggiorate in modo drastico. Evren, che è stata arrestata ad Amed il 9 ottobre insieme ad altre 140 persone nell’ambito dell’ondata di repressione contro l’opposizione curda e successivamente messa in carcere, soffre di acuta perdita di peso, giramenti di testa, dolori alla testa e alla articolazioni, disturbi del sonno e vomita sangue. Evin Kaya lotta con sanguinamenti acuti dello stomaco e dell’intestino. Nell’ultimo periodo ha difficoltà anche ad assumere liquidi e a muoversi. Inoltre soffre di disturbi del sonno.

La situazione di Hilal Ölmez non è diversa. A questo si aggiunge che l’attivista per via della sua partecipazione allo sciopero della fame, è stata punita con una misura disciplinare sotto forma di carcerazione in isolamento. Anche lei soffre di gravi problemi allo stomaco e all’intestino e per via della sua situazione compromessa ha bisogno dell’aiuto delle altre prigioniere. Questo le è negato nella reclusione in isolamento.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...