Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Ogni momento di silenzio è un omicidio

Gülseren Yıldırım, la sorella del prigioniero Abdullatif Teymur in sciopero della fame dal 26 dicembre nel carcere di tipo T a Bafra dichiara: „Ogni momento di silenzio, ogni momento senza soluzione è omicidio.“  Lo sciopero della fame di prigioniere e prigionieri del PKK e PAJK per la fine dell’isolamento del rappresentante curdo Abdullah Öcalan è in corso dal 16 dicembre. In 40 diverse carceri in Kurdistan e in Turchia oltre 200 prgionier* sono in sciopero della fame. Le famiglie delle prigioniere e dei prigionieri sono preoccupate in particolare per i loro parenti esiliati in carceri molto lontane.

ANF ha parlato con Gülseren Yıldırım, la sorella di Abdullatif Teymur, prigioniero nel carcere di tipo T a Bafra presso Samsun. Teymur è in sciopero della fame a tempo indeterminato dal 26 dicembre, le famiglie di prigioniere e prigionieri provano gli stessi sentimenti: „Anche noi come famiglie siamo in carcere, anche noi siamo in esilio. Non si tratta solo di una punizione per mio fratello, questo governo punisce anche noi famiglie. I prigionieri vengono sistematicamente esiliati in carceri molto distanti. Viaggiamo per dodici ore per mezz’ora visita e poi di nuovo dodici ore per il ritorno. È interessante che veniamo sempre isolati nella regione del Mar Nero. Seguo le agenzie stampa. In particolare prigionieri e prigioniere in sciopero della fame a tempo indeterminato o vengono esiliati o gettati nel bunker. Di fronte a questo noi come famiglie siamo molto preoccupati.“

Le richieste delle prigioniere e dei prigionieri sono umane

Prosegue: „Mio fratello ora è in sciopero della fame da 15 giorni. Con grande paura attendiamo la telefonata settimanale. In ogni momento mi faccio mille domande che non hanno una risposta: ‚Sta bene? Qual è la sua situazione? È molto dimagrito? …‘ Il governo deve dare ascolto a questa voce. Ogni momento di silenzio, ogni momento senza soluzione è un omicidio. Le richieste di mio fratello e di tutte e tutti gli altri partecipanti allo sciopero della fame sono umane. Devono avere una risposta. Mio fratello prima si trovava nel carcere di tipo T di Düzce. Lì dal 25 al 28 dicembre, per quattro giorni, insieme ad altri prigionieri è stato torturato sistematicamente.“

Non ho paura di loro

„Il carcere di Düzce era diretto da Kazım Kaya. Alla tortura e alle punizioni nel bunker hanno aggiunto anche l’esilio. Questa è una pena che hanno usato contro noi famiglie. Io non lo accetto e non tacerò. Non ho paura di loro e non starò zitta.

Già in precedenza insieme alla famiglia abbiamo presentato denunce e li abbiamo costretti ad aprire delle indagini. Continueremo a presentare denunce e vigileremo sulla situazione con la massima attenzione. Non li lasceremo in pace fino a quando i colpevoli saranno puniti. Mio fratello non è solo, noi siamo al suo fianco.“

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...

Turchia

Il giornalista e scrittore turco Celal Başlangıç ​​è morto venerdì notte a causa di un cancro all’età di 68 anni. Il giornalista e scrittore...

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...