Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Repressione nelle carceri per stroncare lo sciopero della fame

Da 19 giorni nelle carceri turche è in corso uno sciopero della fame contro la detenzione in isolamento di Öcalan. La direzione delle carceri cerca con ogni mezzo di stroncare lo sciopero. L’azione di sciopero della fame a tempo indeterminato dei prigionieri e delle prigioniere di PKK e PAJK contro l’isolamento totale del rappresentante curdo Abdullah Öcalan è iniziato il 27 novembre e ormai è in corso da 19 giorni. Sei donne nel carcere di Xarpêt (Elazığ) avevano iniziato già prima e ora sono in sciopero della fame da 43 giorni.

La deputata del Partito Democratico dei Popoli (HDP) in carcere, Leyla Güven, in sciopero della fame da 38 giorni. ANF ha parlato uno dei portavoce dell’associazione di aiuti e solidarietà con le famiglie dei prigionieri TUAY-DER, Abdulmenaf Kur. Riferisce che la direzione delle carceri starebbe cercando di stroncare lo sciopero con ogni mezzo.

Vendetta contro i prigionieri

Kur riferisce delle lamentele delle famgilie dei prigionieri su gravi violazioni di diritti. A Patnos, Antep, Manisa, Tokat, Xarpêt e Bolu i prigionieri vengono trattati particolarmente male. Kur riferisce del suo lavoro: „Noi ci occupiamo dei problemi nelle carceri. Ma non possiamo sostenere che in questo tempo i nostri sforzi rispetto alle violazioni dei diritti nella carceri abbiano avuto un effetto. Perché veniamo ostacolati nel nostro lavoro. Per esempio nel carcere di tipo D ad Amed sono in corso scioperi della fame a gruppi. Secondo i racconti delle famiglie, chi è in sciopero della fame, non riceve più assistenza. Si vogliono impedire anche le visite, ma per via dell’atteggiamento inflessibile delle famiglie, è stato necessario revocare questo divieto.“

A chi è in sciopero della fame viene negato di assumere le vitamine B e B1 dice Kur e prosegue: „I prigionieri non vengono assistiti. In questo modo si vuole stroncare lo sciopero della fame. Ma i prigionieri sono molto determinati e dicono che continueranno la loro azione. Noi come associazione cerchiamo di aiutare le famiglie dei prigionieri per come possiamo.“

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...