Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Ballavano: procedimento disciplinare contro prigioniere

Contro 55 donne che sono in carcere in Turchia per motivi politici sono stati avviati procedimenti perché hanno ballato e cantato il tradizionale „Tilîlî“. La direzione delle carceri di Bayburt e Mêrdîn (Mardin) hanno avviato procedimenti disciplinari contro 55 prigioniere politiche perché hanno ballato il tradizionale Govend curdo e cantato il „Tilîlî“. Lo hanno riferito i famigliari delle donne prigioniere all’agenzia stampa Mezopotamya Ajansı (MA). I procedimenti riguardano 17 donne che si trovano nel carcere di tipo E a Mêrdîn e 38 donne nel carcere di tipo M a Bayburt.

Secondo le direzioni di entrambe le carceri, le donne con il loro comportamento hanno „messo in pericolo la sicurezza del carcere”, dato che hanno ballato il 27 novembre, quindi nel giorno in cui il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) 40 anni ha tenuto il suo congresso di fondazione. Come viene riferito a Bayburt le misure avrebbero colpito anche alcune prigioniere malate che non hanno partecipato ai festeggiamenti in questione.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...