Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

HDP: Demirtas deve essere rilasciato immediatamente

“Demirtas, tenuto illegalmente come ostaggio negli ultimi due anni deve essere rilasciato senza ritardo. La delibera della Corte Europea deve essere considerata come un precedente per tutti i funzionari eletti. La Turchia è stata oggetto per la prima volta di delibera sulla violazione dell’articolo 18 per la prima volta.”

A seguito della delibera della Corte Europea dei Diritti umani per la cessazione della detenzione preprocessuale del leader curdo Selahattin Demirtas, i Co-presidenti di HDP Pervin Buldan e Sezai Temelli hanno chiesto il suo immediato rilascio.

La dichiarazione congiunta sottoscritta dai Co-presidenti afferma: ”  La Corte Europea dei Diritti Umani ha rilasciato una sua delibera per l’immediato rilascio del nostro compagno ed ex Co-presidente Selahattin Demirtas. Con questa decisione la Corte ha anche chiarito che l’arresto di Demirtas è un arresto politico.”

La dichiarazione prosegue: ” La delibera della Cedu è vincolante secondo l’articolo 90 della Costituzione e l’articolo 46 della Convenzione europea dei diritti umani. La Turchia è tenuta a rispettare le convenzioni internazionali che il paese ha sottoscritto e a rispettare questa delibera.”

La Co-presidente ha sottolineato che la magistratura si trova davanti ad una nuova prova e ha affermato: ” O essi dimostreranno che sono fedeli ai principi del diritto internazionale, alle convenzioni internazionali che la Turchia ha sottoscritto e le istituzioni internazionali di cui il paese è parte, o dichiareranno che essi non hanno nulla a che fare con i principi del diritto o i trattati internazionali e che non riconoscono l’articolo 90 della costituzione”.

La dichiarazione continua come segue:

“Demirtas, tenuto illegalmente come ostaggio negli ultimi due anni deve essere rilasciato senza ritardo. La delibera della Corte Europea deve essere considerata come un precedente per tutti i funzionari eletti. La Turchia è stata oggetto per la prima volta di delibera sulla violazione dell’articolo 18 per la prima volta.”

Coloro i quali non si arrenderanno mai nella lotta per la democrazia e la pace continueranno ad essere orgogliosi di questo paese e di questa società, con la loro posizione risoluta per le politiche democratiche.  Come abbiamo detto negli ultimi due anni, il posto di Demirtas e di tutti i nostri eletti non è il carcere, ma la la parte dei popoli di Turchia.”

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...