Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iran

KODAR: I curdi non si lasciano usare

Il movimento KODAR del Kurdistan orientale condanna la ricerca avviata dagli USA contro membri di spicco del PKK e dichiara che i curdi non si lasciano usare da nessuna potenza al mondo.

 

Il Movimento per la Libertà e la Democrazia del Kurdistan Orientale (KODAR), in una dichiarazione scritta ha condannato la promessa di una taglia per la cattura di tre membri di spicco del movimento di liberazione curdo. Il Ministero degli Esteri USA mercoledì scorso ha messo una taglia milionaria per indicazioni che portino alla cattura di Cemil Bayık, Murat Karayılan e Duran Kalkan.

Nella dichiarazione del KODAR si afferma: „Nel mondo si sono formate nuove coalizioni alla base di quali ci sono gli interessi di potere dei singoli Stati. Gli USA procedono attivamente contro il popolo curdo e hanno emesso un bando di ricerca contro i tre rivoluzionari Cemil Bayık, Murat Karayılan e Duran Kalkan. Dall’era Bush fino al giorno d’oggi sotto Donald Trump, gli USA perseguono una politica nella quale dicono: o siete dalla nostra parte o siete dalla parte del nemico‘. Il popolo curdo non è riconosciuto nella sua esistenza.

La decisione degli USA contraddice i diritti umani e i principi giuridici. Per questa ragione in tutto il mondo sono in corso proteste. Gli USA e le altre potenze mondiali dovrebbero finalmente riconoscere che i curdi non si lasciano usare da nessuno. I curdi hanno principi politici e si impegnano per i loro interessi. Noi condanniamo l’azione eticamente e giuridicamente insostenibile e facciamo appello perché ci siano proteste in tutto il mondo.“

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

Almeno 54 kolber sono stati uccisi nell’ultimo anno negli attacchi in Iran e Turchia. Continuano gli attacchi contro le persone chiamate “kolbers” che commerciano...

Iran

Kaveh Karimian, eminente attivista ambientalista curdo e membro dell’associazione “Green Chia” di Marivan, è stato condannato a due anni di reclusione con sospensione condizionale...

Diritti umani

Nel Rojhilat, un insegnante curdo è stato condannato a 11 anni di carcere per “crimini contro la sicurezza nazionale”. Nel Rojhilat, un insegnante curdo...