Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

HDP e DTK: i soldati turchi bruciano deliberatamente le foreste

Il comitato che ispeziona gli incendi boschivi causati dall’esercito turco a Diyarbakir ha dichiarato che gli abitanti del villaggio riferiscono di utilizzo di bombe a barile. Il comitato ha dichiarato: “Non permetteremo al nostro popolo di superare tutto questo da solo”.

Il deputato di Diyarbakir Musa Farisoğulları del comitato che ispeziona gli incendi boschivi che è stato avviato a causa dei bombardamenti nelle zone rurali di Lice e Kulp ha dichiarato che alla popolazione non è consentito combattere gli incendi e ha aggiunto: “ Ci sono pratiche basate sull’animosità contro i curdi da parte dei funzionari del governo che possono condurre alla morte.”

Il Partito democratico dei popoli (HDP), il Congresso Democratico della società (DTK) ed il Partito democtarico delle regioni (DBP) hanno rilasciato una dichiarazione dopo che il comitato ha ispezionato gli incendi boschivi provocati dai bombardamenti dall’esercito turco nei distretti di Diyarbakir di Kulp, Hazro e Lice il 28 luglio.

Il deputati di Hdp di Diyarbakir Musa Farisoğulları, Dersim Dağ, Remziye Tosun, Saliha Aydeniz e Semra Güzel, le attiviste del Movimento delle donne libereFree (TJA), membri del consiglio della co-presidenza del DTK ed esponenti del partito hanno partecipato alla manifestazione davanti agli uffici di HDP. La co-presidente provinciale del DBP Naşide Toprak ha affermato che gli incendi boschivi sono diventati una routine e che è una politica deliberata.

Gli abitanti di villaggio hanno riferito dell’utilizzo di bombe barile

Il deputatodi HDP Musa Farisoğulları ha dichiarato: “Da Dersim a Amed ci sono gravi incendi a causa di bombardamenti. Essi hanno dichiarato che lo stato di emergenza è finito, ma questo è stato solo per il nome. Nel giorno in cui lo stato di emergenza è stato presumilmente rimosso, sono incominciati gli incendi delle foreste sulle terre curde. Il fuoco si è diffuso nelle zone con abitazioni e popolazione. Siamo andati a Kulp e a Lice per delle ispezioni. Gli abitanti di villaggio non potevano combattere il fuoco nelle zone bombardate a causa dei coprifuochi. Gli incendi nelle regioni di Eskar e Dorsin a Kulp si sono estinti da soli. Gli abitanti di villaggio hanno riferito dell’utilizzo di bombe barile. Sulla strada del ritorno siamo andati nei villaggi di Kerwas e Helhel a Lice. La popolazione ha dichiarato che c’era stato un pesante bombardamento alle 4 del mattino. Si è acceso il fuoco e si è diffuso in una vasta area. Gi abitanti di viaggio non hanno potuto combattere immediatamente il fuoco, quando siamo arrivati abbiamo cercato di spegnere il fuoco con mezzi primitivi insieme alla gente. Naturalmente il pericolo è lontano dall’essere terminato.”

Potrebbero portare alla morte

Farisoğulları ha sottolineato che queste pratiche sono state sperimentate per anni ed è ora evidente che non funzionano, quindi lo stato dovrebbe abbandonarle e ha aggiunto: “Ci sono pratiche basate sull’animosità contro i curdi da parte di funzionari governativi che potrebbero portare alla morte. Non permetteremo al nostro popolo di superare tutto questo da solo. “

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...