Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

IHD rilascia il rapporto sulla violazione dei diritti nelle carceri dell’Anatolia centrale

Le violazioni esposte vanno dalle scarse o nulle cure mediche fornite ai detenuti, alle molestie, pestaggi e perquisizioni umilianti a nudo. La Commissione carceri della sezione di Ankara dell’Associazione dei diritti umani (IHD) ha pubblicato un rapporto che espone la violazione dei diritti nelle carceri della regione dell’Anatolia centrale registrate nei mesi si aprile, maggio e giugno. La dirgente di IHD Nuray Çevirmen ha affermato che il rapporto comprende le carceri di tipo F di Bolu, di tipo T di Dinar, di tipo T di Kayseri Bünyan di tipo F di Kırıkkale- Hacılar , del carcere per donne di Sincan e di tipo T di Tokat.

Çevirmen ha affermato che i rapporto è stato redatto dai membri della commissione carceri di IHD dopo le interviste con gli avvocati che a loro vota hanno ricevuto informazioni dai detenuti, le denunce delle famiglie dei detenuti, così come dai deputati e dalle associazioni. Un altra fonte importante di informazioni sono state le lettere inviate dai detenuti.

Le violazioni esposte vanno dalle scarse o nulle cure mediche fornite ai detenuti, alle molestie, ai pestaggi e alle perquisizioni umilianti a nudo, l’imposizione del regime di isolamento, punizioni come il diniego dei permessi di visita.

Tra le varie violazioni vi sono le seguenti:

Carcere di Bolu tipo F

* 9 Aprile 2018: Abdulvahap Kavak è stato informato 7 anni dopo circa un nodulo alla gola. Necessita di chirurgia ma non la sta ricevendo perchè non c’è nessuna sezione per detenuti nella clinica universitaria.

* Mehmet Çelebi Çalan, un detenuto gravemente malato due mesi fa aveva chiesto al medico del carcere che doveva avere degli esami del sangue per il controllo annuale della prostata. Sta aspettando da due mesi l’esame.

* Lo stato di emergenza (OHAL) significa tra le altre cose che i detenuti non possono avere giornali, riviste, e libri che precedentemente erano permessi. Ai  detenuti era consentito avere cinque libri e cinque riviste.

* Radio a onde corte sono proibite e sono permesse solo radio FM

* Vedere canali televisivi turchi come CNN e Fox TV è stato vietato

Carcere di tipo T di Dinar

* Radio sono state confiscate e mai restituite

* Una sentenza di condanna di un anno è stata comminata ad un detenuto trovato in possesso di un piccolo ago utilizzato per forare semi di olivo.

* I detenuti sono stati picchiati 20 volte in un anno. Da quando sono stati portati in ospedale una settimana dopo essere stati picchiati non è ancora stato consegnato un rapporto medico.

Carcere n° 2 di tipo T di KAYSERİ / BÜNYAN

*Il numero di libri è limitato a 5. Nessuna radio è consentita

*Nell’istituzione non sono presenti funzionari sanitari. La distanza tra il carcere e l’ospedale è di circa 50 km, dunque i pazienti sono a rischio.

Carcere di tipo T di KIRIKKALE

* È stato riferito di punizioni e di restrizioni alle visite.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Diritti umani

I redattori arrestati dalle forze del KDP hanno scritto sulla sorte di Süleyman Ahmet: “Sono passati 44 giorni: dov’è Süleyman Ahmet?” Continuando a chiederselo,...