Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Quattro detenuti seriamente malati in sciopero della fame da 15 giorni 

İZMİR – Quattro detenuti gravemente malati detenuti nel carcere chiuso di tipo R di Menem sono in sciopero della fame da 15 giorni rivendicando il diritto all’accesso alle cure mediche. I detenuti seriamente malati di nome Ergin Aktaş, Yusuf Bulut ed altri due detenuti siriani di nome Dicle Bozan e Ehmedê Xemî, che sono detenuti nel carcere chiuso di tipo R di Menem a Izmir sono in sciopero della fame a tempo indeterminato dal 20 aprile per rivendicare il loro diritto all’accesso alle cure mediche.

Ergin Aktaş ha difficoltà a vivere perchè non ha entrambe le mani. Gli intestini di Dicle Bozan sono stati estratti dal corpo per nove mesi e Dicle sta aspettando un’operazione.

Yusuf Bulut (68) vive costretto a letto e Ehmedê Xemî è paralizzato nella parte inferiore del corpo. Le condizioni dei detenuti stanno peggiorando perchè sono in sciopero della fame dal 20 aprile e le loro richieste sono solamente quelle del miglioramento delle condizioni del carcere, di avere riconosciuto il diritto all’accesso alle cure mediche.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...