Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Erdogan discute l’alleanza con il leader di estrema destra Devlet Bahceli

Domenica il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha accolto favorevolmente il leader di estrema destra del partito nazionalista (MHP) Devlet Bahceli nel suo palazzo di Ankara per discutere i dettagli di un’alleanza per le elezioni del prossimo anno.

Il Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) di Erdogan sta negoziando da oltre due mesi con il MHP per costituire un blocco unitario nelle elezioni parlamentari, amministrative e presidenziali del paese. Il quotidianio privato Hurriyet ha riferito che essi hanno discusso del nome del blocco di estrema destra con Erdogan, con Edogan che ha proposto “Consenso Nazionale” e Bahceli con ” Stella e mezzaluna” in riferimento alla bandiera turca.
I due hanno concordato di continuare a sostenere una forma di forte governo presidenziale, l’amministrazione centralizzata e il mantenimento della soglia del 10 per cento alle elezioni parlamentari, già la più alta tra le democrazie mondiali.   Durante l’incontro, Bahceli ha ribadito il suo sostegno all’invasione,in atto da poco più di un mese dell’esercito turco dell’enclave assediata di Afrin nel Kurdistan siriano, soprannominata Jihad da alcuni alti funzionari del paese membro della NATO.

L’ultranazionalista e antiocidentale MHP e l’AKP con radici islamiste hanno sviluppato una collaborazione sempre più profonda all’indomani del crollo dei colloqui di pace del 2015 con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e del fallito colpo di stato militare dell’anno successivo per rovesciare il governo di Erdogan. Bahceli aveva già annunciato che il suo partito avrebbe appoggiato Erdogan nelle elezioni presidenziali, in quanto i loro partiti erano in trattative sui dettagli su come condividere i voti nelle elezioni parlamentari e locali.

Le due parti si sono avvicinate ancora di più mentre i militari, appoggiando i loro alleati islamisti siriani, hanno messo in atto l’attacco ad Afrin, dove continui attacchi aerei e bombardamenti hanno ucciso fino ad ora a 180 civili e sfollati oltre 60.000 persone.

Ari Khalidi
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...