Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Esibendo il suo corpo volevano offuscare la resistenza delle donne a Afrin

QAMISHLO –La portavoce ufficiale del Consiglio delle Donne della città di Manbij al-Ali ha detto : “La Turchia e i suoi mercenari volevano dare al mondo l’idea che le donne sono solo carne e femminilità e che sono un genere d’uso e l’aggressione alla combattente nelle Unità di Difesa delle Donne e l‘esibizione del suo cadavere è per coprire la resistenza di Afrin,”

Il video, postato su siti nei social network da parte dei criminali dello Stato di occupazione turco che mostra il corpo di una combattente delle YPJ ha sollevato molta rabbia.

In questo contesto la portavoce ufficiale del Consiglio delle Donne della città di Manbij Maha al-Ali si è espressa duramente contro il tentativo di occupazione di Afrin da parte dello Stato turco dicendo, “Noi resisteremo con la resistenza e la determinazione della popolazione di Afrin agli degli attacchi turchi,” affermando che “se fosse necessario, io come donna sono pronta a stare al fianco delle donne e degli uomini di Afrin che stanno al fronte e combattono.

Siamo fieri della presenza di combattenti sul campo di battaglia che stanno affrontando per loro libera volontà l’occupazione turca e i mercenari delle bande di Jabhit al-Nusra ,al- Qaeda e IS.”

“Ho visto gli abusi commessi da parte dei mercenari nei sul corpo di una combattente delle Unità di Difesa delle Donne (YPJ) e la sua esibizione. Stanno cercando di dare al mondo l’idea che le donne sono carne, femminilità e che sono una merce,” ha detto. “La resistenza mostrata dalle combattenti delle YPJ invece rappresenta la vittoria e non la sconfitta perché la donna della Siria è fermezza e resistenza a fronte degli occupanti e dei loro mercenari. “

La portavoce ufficiale del Consiglio delle Donne della città di Manbij Maha al-Ali ha condannato il silenzio internazionale e l’esitazione del mondo arabo a fronte della dimensione dell’aggressione contro Afrin e delle brutalità che lì vengono commesse da Erdogan. “Se restano in silenzio su Afrin, entrerà in altre zone della Siria e continuerà con la sua brutalità. La resistenza contro il tiranno Erdogan continua e a Afrin verrà sconfitto.”

AHMED SAMIR –MOURADA KINDA

ANHA

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

I resti di 139 persone che si ritiene siano state massacrate dall’Isis sono stati ritrovati in una fossa comune a Tal Afar, a ovest...

Diritti umani

Sottolineando che almeno 30 donne sono state uccise nella regione federata del Kurdistan in 6 mesi, l’esponente del RJAK Ronak Majid ha affermato: “Le...

Turchia

MERSİN – Intervenendo all’incontro delle donne, la politica curdo Sebahat Tuncel ha sottolineato che la pratica del fiduciario è diventata un regime e colpisce...

Siria

Trentatré partiti e organizzazioni politiche si sono espressi contro gli ultimi tentativi di riavvicinamento dello Stato turco e del governo di Damasco, affermando che...