Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iniziative

Contro l’attacco militare della Turchia- Oggi a Firenze-Consiglio comunale e Prefettura

La Comunità kurda toscana, insieme a numerose organizzazioni politiche e sindacali, sarà oggi in presidio sotto la sede del Consiglio Comunale di Firenze a partire dalle 15.30 per richiamare l’attenzione dell’amministrazione cittadina e dell’opinione pubblica su quanto sta accadendo nel nord della Siria, nel cantone di Afrin sotto controllo delle forze kurde YPG e YPJ, dove ormai da una settimana sono in corso continui bombardamenti da parte dell’aviazione turca.

Il cantone di Afrin, nel nordovest della Siria, amministrato dal 2012 dal partito della sinistra kurda PYD, è sempre stata una delle zone più sicure della Siria in guerra, libera dalla presenza dello Stato Islamico o di altre milizie islamiste. Per questo ospita migliaia di profughi siriani che oggi sono le principali vittime delle bombe del regime turco.

E’ necessario che le istituzioni della nostra città, che nel 2016 ha stretto un patto di amicizia con la città kurda di Kobane, simbolo della resistenza contro il fascismo ed il fondamentalismo islamico, si pronuncino contro l’attacco da parte del regime turco di Erdogan verso la popolazione del nord della Siria, motivato esclusivamente dalla volontà di sradicare l’autogoverno kurdo ed estendere la propria influenza in quel territorio, in una logica di spartizione e di guerra inaccettabile.

E’ inoltre necessario che il nostro governo smetta di fornire il suo sostegno al dittatore turco, che dopo aver raso al suolo le città kurde nel sudest del paese, incarcerato migliaia di attivisti, giornalisti, accademici ed amministratori, chiuso giornali, associazioni umanitarie e di fatto epurato da ogni ambito della vita pubblica qualsiasi voce critica verso il suo progetto autoritario, rivolge ora il secondo esercito della Nato contro il movimento kurdo nel Rojava.

Il nostro paese continua infatti a vendere armi e tecnologie militari ad Ankara. I sistemi radar che permettono oggi all’aviazione turca di localizzare le postazioni delle YPG/YPJ, così’ come gli elicotteri d’attacco Mangusta A 129 che sganciano bombe sulla popolazione di Afrin, sono entrambi di fabbricazione italiana, prodotti di Leonardo-Finmeccanica, azienda di punta dell’industria della guerra italiana.

Per questo al termine del presidio in Piazza Signoria, alle 18.00 un corteo raggiungerà la sede della Prefettura, rappresentante delle istituzioni governative nella nostra città, per denunciare le complicità del nostro governo e chiedere la fine immediata di ogni fornitura militare alla Turchia.

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Iniziative

Venerdì 17 Maggio Ore 10:00: “Noantri curdi de’ Testaccio” al Box del Rione nel Mercato di Testaccio Nell’ anniversario del Centro Socio-Culturale Ararat i...

Iniziative

L’evento ospiterà un dibattito tra Zilan Diyar, giornalista e attivista del movimento delle donne curde e Francesca Patrizi ufficio informazioni del Kurdistan in Italia....

Iniziative

A dieci anni di distanza dalla storica resistenza di Kobane, che ha reso visibile la decennale lotta per la libertà del popolo curdo, la...

Iniziative

La presenza permanente della questione curda in un mondo diviso e ingiusto. Il Kurdistan e i curdi oggi. Partecipano: Antonio Olivieri (Associazione Verso il...