Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iniziative

Difendiamo il Rojava e il Confederalismo Democratico- Trento

In questi giorni i carri armati e ai bombardieri dell’esercito turco, insieme agli islamisti del cosiddetto esercito libero siriano (FSA), stanno attaccando il cantone di Afrin nel nord della Siria. Afrin è da più di sei anni protetta dalle unità di difesa popolare YPG e YPJ, le stesse che hanno difeso Kobane e liberato Raqqa dall’Isis. Ovvero da quelli che in TV sentite chiamare “i curdi” e invece oltre che curdi sono anche, arabi sunniti, armeni, yazidi e cristiani. Da più di sei anni ad Afrin e in tutta la Rojava si sperimenta una forma di democrazia radicale basata sulla convivenza tra popoli e religioni diverse, sulla laicità, la giustizia sociale e la parità di genere. E la prova di ciò la danno le centinaia di migliaia di profughi provenienti da tutta la Siria che negli ultimi anni ad Afrin hanno trovato rifugio.

L’Isis non è riuscito a schiacciare le isole di libertà rivoluzionaria della Siria del Nord, ne è stato anzi quasi annientato. Il mondo intero ha gioito pochi mesi fa quando la capitale del sedicente Stato Islamico è stata liberata.

Ma ora, con un atto di infamia che ha pochi precedenti nella storia, le grandi potenze stanno lasciando che la Turchia di Erdogan e le bande islamiste attacchino Afrin massacrando popolazioni la cui unica colpa è quella di voler vivere sulla base di quei valori di democrazia, laicità e parità di genere che l’occidente dice di incarnare e che invece regolarmente tradisce.

USA e Russia stanno lasciando mano libera al dittatore turco. L’Unione Europea gli ha donato miliardi di euro perché proteggesse i confine della Fortezza Europa dai profughi. Per di più il Papa ha annunciato che lo riceverà in Vaticano il prossimo 5 febbraio. Quindi Papa Francesco ha intenzione di stringere le mani insanguinate di un tiranno e lo farà proprio mentre sta tentando di annientare chi si è battuto e si batte contro l’islamismo e tutte le altre forme di oppressione e discriminazione.

Ma in faccia alla viltà e all’ipocrisia dei potenti, ad Afrin si stanno battendo per difendere la loro terra e la loro gente. Si stanno battendo per arginare il fascismo islamista rappresentato dalla Turchia di Erdogan: un paese sostenitore del terrorismo, in cui tutti gli oppositori (dai professori universitari, ai giornalisti, ai militanti politici) vengono incarcerati e uccisi, in cui l’idiozia del fanatismo religioso soppianta la scienza nei programmi scolastici e la pedofilia viene legalizzata consentendo il “matrimonio” delle bambine.

A noi qui spetta il compito di non lasciarli soli, fare il possibile perché i governi occidentali impediscano ad Erdogan di schiacciare chi si è battuto e si batte contro l’Isis e le altre bande islamiste costruendo una società libera dal fanatismo religioso, dal nazionalismo e dallo sfruttamento.

Scendere in piazza e prendere la parola è il minimo che possiamo fare per sostenere chi si è battuto e si batte anche per noi contro il fascismo islamista che ha insanguinato il Medio Oriente e l’Europa.

AUTOCONVOCHIAMOCI IN PIAZZA PASI, SABATO 27 GENNAIO AD ORE 17

Combattere la Turchia islamista di Erdogan è combattere il terrorismo ivi supportato.

Difendere Afrin è difendere la libertà.

Difendere i popoli della Siria del Nord è difendere noi stessi.

Stare in silenzio vuol dire essere complici di questo scempio.

#DefendAfrin #AfrinNotAlone

Centro Sociale Bruno

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Iniziative

Venerdì 17 Maggio Ore 10:00: “Noantri curdi de’ Testaccio” al Box del Rione nel Mercato di Testaccio Nell’ anniversario del Centro Socio-Culturale Ararat i...

Iniziative

L’evento ospiterà un dibattito tra Zilan Diyar, giornalista e attivista del movimento delle donne curde e Francesca Patrizi ufficio informazioni del Kurdistan in Italia....

Iniziative

A dieci anni di distanza dalla storica resistenza di Kobane, che ha reso visibile la decennale lotta per la libertà del popolo curdo, la...

Iniziative

La presenza permanente della questione curda in un mondo diviso e ingiusto. Il Kurdistan e i curdi oggi. Partecipano: Antonio Olivieri (Associazione Verso il...