Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Foza Yusuf: Non solo Afrin, ma tutti i popoli si schiereranno contro l’invasione

La Co-presidente del Consiglio esecutivo della Federazione della Siria settentrionale Foza Yusuf ha commentato il piano di attacco dello stato turco e dell’AKP su Afrin, e ha sottolineato che Afrin si è preparata da anni per la guerra: “L’area di Afrin in particolare ,è stata preparata per una probabilità di attacco della Turchia e di altri potenze. Se scoppia una guerra, non solo Afrin, ma anche tutti i popoli si schiereranno contro questa invasione.

Foza Yusuf ha parlato della politica della Turchia in Siria e dei piani di attacco. Foza ha parlato prima della politica della Turchia e ha dichiarato: ” La politica della Turchia sulla Siria non è per una soluzione o per la stabilità; è su come possono beneficiare di questo processo e di come possono avere la loro parte. La Turchia ha lo stesso scopo dei paesi, che durante la prima e la seconda guerra mondiale hanno esteso i loro confini e conquistato alcune aree. La Turchia ha provato molti metodi e tattiche a questo riguardo, ma tutte queste tattiche e metodi non hanno dato i risultati che la Turchia sperava.

Osservando che gli attacchi sono contro il progetto siriano democratico, Foza ha  proseguito come segue; “Il progetto che abbiamo sviluppato per una Siria democratica è stato considerato una minaccia dalla Turchia e dall’AKP. L’AKP ha cercato di trovare un’alleanza diversa per impedire di mettere in pratica il progetto di una Siria democratica. Il più ovvio è stato l’attacco e la cattura di Cerablus-Azaz-Bab. L’obiettivo non è quello di unire Kobanê e Afrin … La Turchia ha preso Cerablus-Azaz-Bab e aveva pensato di  aver ottenuto un grande successo. La Turchia ha consegnato Aleppo alla Russia e in cambio ha preso Cerablus e Bab. Un altro accordo è stato fatto per liberare Deir ez-Zor dalla Russia e dalla Siria. “

Dichiarando che tutti i tentativi di invasione della turchia utilizzando le bande sono stati impediti Foza ha affermato: ” Tutti i piani della Turchia sono stati ostacolati. Alla fine l’esercito turco è diventato parte di questa guerra; l’esercito turco è entrato ad Idlib. All’inizio, la Turchia pensava di poter prendere tutta la Siria e ha detto: ” Eseguiremo la preghiera negli Ommayadi (dinastia ndr)”. Inoltre la Turchia voleeva essere efficace ad Aleppo e Humus ma ha fallito. Hanno provato ogni giorno modalità e metodi per impedire ai curdi di costituire la loro organizzazione politica.” Fondameltalmente la sua strategia in Siria è fallita.”

Dicendo che la Turchia si sta preparando per attaccare Afrin, Foza ha sottolineato che Afrin è stata in guerra per anni. Ricordando gli attacchi delle bande su Afrin nel 2012, Foza ha affermato: “Afrin si organizza sempre per la guerra. I preparativi per le persone, l’addestramento delle forze militari e l’aumento delle forze continuano ad Afrin. La zona di Afrin è stata preparata per un attacco della Turchia e di altri potenze. Se scoppia una guerra, non solo Afrin, ma anche tutti i popoli si schiereranno contro questa invasione. Sappiamo che ci sono molte minacce “.

Foza ha anche affermato: ” Il nostro progetto è il progetto più realistico e tutti lo vedono. L’AKP cerca di impedirlo e su questa base ha mobilitato la sua forza. Vogliono che i curdi non abbiano nessun diritto. Non abbiamo procurato danni alla Turchia, all’Iraq e a qualsiasi altro paese. Poichè non facciamo la nostra lotta in Turchia. La Turchia errà completamente sconfitta se entra in questa guerra e se continua a portare avanti questa strategia. Se la Turchia vuole giocare un ruolo in Medio Oriente, deve democratizzare la Turchia e risolvere la propria questione curda.La Turchia non può guadagnare forza a meno che non riavvii il processo di pace “.

 

ANHA

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

I resti di 139 persone che si ritiene siano state massacrate dall’Isis sono stati ritrovati in una fossa comune a Tal Afar, a ovest...

Siria

Trentatré partiti e organizzazioni politiche si sono espressi contro gli ultimi tentativi di riavvicinamento dello Stato turco e del governo di Damasco, affermando che...

Rassegna Stampa

MEDIO ORIENTE. Un caso di violenza sessuale scatena attacchi che si estendono a molte città. Negozi, case e auto distrutte, violenze: 3 milioni di profughi...

Rassegna Stampa

MEDIO ORIENTE. Mehmet Rüstü Tiryaki, co-vicepresidente del partito Dem a pochi mesi dal voto amministrativo in Turchia: «La protesta di massa dei cittadini di Van...