Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Pubblicati meno libri curdi a causa della repressione dello Stato turco

Il numero di libri curdi stampati in lingua curda in Turchia nel 2017 è diminuito nel 2017 con soli 171 rilasci, mentre la repressione di Stato lunga di un secolo, pari a un linguicidio, è tornata indietro dopo che è proseguita la guerra di Ankara negli scorsi anni contro i ribelli curdi a causa del crollo dei colloqui di pace. Il ricercatore e giornalista Cemil Oguz ha affermato che la rinnovata fase del conflitto ha influenzato negativamente le scelte socio-culturali e lo stato d’animo delle persone.

“Le statistiche rivelano che quando la guerra si intensifica, diminuisce il numero di persone che leggono libri curdi. Lo sappiamo dal fatto che nel 2014 sono stati pubblicati oltre 250 libri. Perché poi c’era la pace. Questo numero è importante nella storia del Kurdistan “, ha detto Oguz in un’intervista a Diyarbakir.

A quel tempo, il governo turco stava negoziando una soluzione pacifica e il cessate il fuoco con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK). Per quanto difficile, ha aiutato la cultura e la lingua curda a prosperare fino al ritorno della guerra a metà del 2015.

Uno stato di emergenza continuo e ripetutamente esteso e imposto dall’amministrazione del presidente Recep Tayyip Erdogan dal tentativo di colpo di stato militare dell’anno scorso di rovesciare il governo, ha peggiorato ulteriormente le cose per gli editori e i lettori curdi .

Ci sono oltre una dozzina di case editrici curde in Turchia, la maggior parte di loro finora ha eluso una crescente repressione del governo sulla società civile, sugli istituti culturali e sui media. Una di queste, Avesta, con sede a Istanbul, ha pubblicato solo 13 libri l’anno scorso nemmeno la metà di quelli pubblicati nei due anni precedenti.

Abdullah Keskin, fondatore di Avesta e redattore capo, ha dichiarato che la ragione principale è rappresentata dalle questioni finanziarie e logistiche affrontate dalla sua casa editrice.

E poi le vendite non sono mai andate bene. La politica ovviamente gioca ancora un ruolo ” ha continuato Keskin al telefono da Istanbul. Il poeta e autore Şêxmûs Sefer crede che, sebbene la responsabilità ultima di preservare e nutrire la lingua risieda nei curdi, essi hanno bisogno dell’autogoverno e dell’istituzionalizzazione per prevenire un’ulteriore perdita di essa.

Finché i curdi non saranno governanti nella loro patria e la lingua curda non avrà uno status ufficiale, questa situazione di pericolo continuerà “, ha detto Sefer a Diyarbakir. “I bambini curdi dovrebbero essere educati nella loro lingua madre quando vanno a scuola la mattina”, ha aggiunto, sostenendo che è difficile per gli editori curdi aumentare i loro lettori se le persone in primo luogo non sono in grado di leggere.

Ari Khalidi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...