Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Appello per la libertà della “Madre per la Pace” Mevlüde Başdaş

Componenti del consiglio delle Madri per la Pace e del Movimento delle Donne Libere (TJA) a Izmir hanno chiesto la liberazione della “Madre per la Pace “ gravemente malata Mevlüde Başdaş. In una conferenza stampa nella sede del BDP a Izmir il consiglio delle Madri per la Pace e il Movimento delle Donne Libere (TJA) ha chiesto la liberazione di Mevlüde Başdaş.

Mevlüde Başdaş è detenuta nel carcere di Şakran. Ha 60 anni, ha una grave disabilità dell’86 percento ed ha già avuto due infarti. Nella conferenza stampa è stato comunicato che le vengono negate le cure mediche e deve essere liberata immediatamente.

Tijda Kılıç (TJA) nella conferenza stampa ha fatto notare che Mevlüde ha partecipato nell’ottobre 2015 a unn’azione di „scudi umani“ presso la montagna di Bagok nella’are di Nisêbîn nella provincia di Mêrdîn per impedire le operazioni militari e gli attacchi dell’esercito contro cimiteri. Per questo è stata illegittimamente condannata a quattro anni e due mesi di carcere.

Due infarti, trapianto di rene, parzialmente non vedente

Mevlüde Başdaş si trova nel carcere di Şakran e soffre di pressione alta, diabete, valori elevati di colesterolo, è non vedente da un occhio e ha una sofferenza renale. Dopo un blocco di entrambi i reni nel 2009 è stata operata e oggi vive grazie al trapianto di un rene di suo marito. Per via del diabete da un occhio ha completamente perso la vista mentre l’altro occhio è stato operato due volte. Inoltre ha già subito due infarti e a fronte delle condizioni sfavorevoli del carcere c’è un rischio continuo di una recidiva.

Cure mediche regolari

Le sue condizioni di salute richiedono cure farmacologiche urgenti che le sono state negate dalla direzione del carcere, ha spiegato inoltre Tijda Kılıç. „Mamma Mevlüde ogni due mesi deve recarsi in ospedale per un controllo. La sua pressione va misurata quotidianamente e deve prendere medicine in modo regolare. Anche se rischia un terzo infarto non viene portata in ospedale.“

In conclusione Tijda Kılıç ha dichiarato: „Mamma Mevlüde è stata arrestata perché si è impegnata per la pace come scudo umano. Se per via della mancanza di cure in carcere dovesse succederle qualcosa, la direzione del carcere e tutti gli enti dello Stato ne saranno responsabili.“

JINNEWS

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...