Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Prigionieri del PKK e del PAJK: “Non ci arrenderemo mai all’uniforme”

I prigionieri del PKK e del PAJK hanno lanciato un severo avvertimento contro l’imposizione di una uniforme nelle carceri e hanno detto: “Non riescono nemmeno a immaginare cosa faremo”. I detenuti del PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) e del PAJK (Partito delle donne libere del Kurdistan) hanno rilasciato un avvertimento inflessibile contro l’imposizione di una uniforme in carcere.

La dichiarazione rilasciata dai detenuti del PKK e del Pjak è come segue:
” Il governo di Erdogan promulgando l’uniform in carcere ha portato il fascismo ad un livello illimitato. Da un lato hanno criticato gli Stati Uniti ed il loro sistema, e dall’altro fanno riferimento a Guantanamo. Poi sostengono che l’uniforme è una richiesta dei popoli oppressi. Evidentemente essi vogliono legittimare essi stessi on una politica cartacea. Ma il governo Erdogn dovrebbe sapere questo: Noi come detenuti del Pkk e del Pajk non indosseremo mail l’uniforme. Noi la faremo a pezzi se la costringerete su di noi. La nostra posizione su questo argomento è veramente chiara. Lo scopo principale dell’uniforme è di spogliare gli individui della loro identità e volontà. L’attuazione pratica dell’omogeneità dello stato nazione e la sua politica della negazione e dell’annientamento si trovano in Erdogan che si espone con il segno della rabia. Adesso aggiungono l’uniforme a questa pratica e imbrogliano se stessi agendo con l’idea che sono innocenti e che le persone in carcere e la società sono quelli che sono colpevoli.
Noi siamo persone che difendono i diritti umani e la libertà di pensiero per una vita libera e giusta. Noi siamo le persone che lottano per la libertà sociale e la verità in linea con la legittima autodifesa per i nostri obiettivi e ideali. Le leggi che chiamano crimini e punizioni derivano direttamente dal mantenere la mentalità dello stato nazionale intatta e illesa.Per quello, secondo una comprensione universale della legge, non ogni singolo prigioniero è un criminale. Ma il governo Erdoğan vede qualcuno che non si inchina a loro come un criminale.
La pratica dell’uniforme creerà persone sul baratro della schiavitù moderna nelle carceri. Stanno cercando di creare una personalità che non è la propria, che viene trasformata, o peggio una personalità senza personalità. Stanno cercando di creare una copertura legale per esso e attribuendola alla società. La personalità di Erdoğan vive contro l’umanità, la società e la sua natura e moralità, e vuole che gli altri vivano così.
Noi come detenuti del Pkk e del Pajk non permetteremo mai che questo accada. Rappresenteremo l’identità del Pkk e del Pajk in tutte le circostanze. Se ci sono un approcci negativo nei confronti della nostra dignità umana e della nostra volontà, nessuno può nemmeno immaginare che cosa faremo. Il loro riferimento è Guantanamo ed il nostro è la resistenza in carcere del 14 luglio del 1982.
Lo spirito, la percezione e la mentalità del personaggio di Erdoğan prendono il monismo come base, mentre noi ci basiamo sul principio di Mazlum Doğan: ““La sottomissione conduce al tradimento, il pacifismo conduce alla sconfitta e la resistenza porta alla vittoria”, continueremo a farlo e non rinunceremo mai a resistere nella linea della vittoria “.
ANF

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...