Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

La Turchia non è Guantanamo: il politico detenuto Demirtas critica la nuova politica delle uniformi nelle carceri

Il Co-presidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP) Selahattin Demirtas ha inviato una lettera dal carcere condannando l’ultimo decreto legge che costringe a indossare una uniforme di tipo singolo. Due decreti di emergenza N° 695 e 696 riguardo a questi cambiamenti sono stati preparati sotto lo stato di emergenza e sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale. Secondo il decreto di emergenza N° 696 coloro i quali vengono condannati o arrestati per “reati terroristici”dovranno indossare un uniforme di colore grigio e mandorla quando dovranno essere portati fuori dall’istituto penitenziario.

Nell’ambito di questo decreto, tutti quelli che sono stati condannati o arrestati per reati che rientrano nel quinto capitolo intitolato: “Crimini contro l’ordine Costituzionale ed i suo funzionamento” avranno questa clausa imposta su di loro. Il decreto di emergenza. Il decreto legislativo prevede anche alcune eccezioni, donne condannete e detenuti potrebbero non indossare la tuta da carcere. Anche agazzini e donne in gravidanza saranno esenti dal nuovo regolamento.

Per Selahattin Demirtas, queste nuove leggi costituiscono un tentativo di normalizzare lo stat di emergenza del governo turco in atto sin dal fallito colpo di stato del 2016.

Secondo dati ufficiali, nel fallito tentativo di colpo di stato del 15 luglio 2016 erano rimaste uccise 240 persone e più di 2.000 erano rimaste ferite. Inoltre da quando lo stato di emergenza è stato dichiarato a seguito del fallito tentativo di colo di stato, oltre 50.000 persone sono state arrestate nella vasta repressione che ha preso di mira presunti sostenitori del golpe, esponenti dell’opposizione, insegnati, giornalisti e dipendenti pubblici. Anche 150.000 soldati, funzionari di polizia e ufficiali sono stati rimossi o sospesi dal loro incarico. “

“Noi non ci arrenderemo al fascismo e moriremo se necessario, ma non accetteremo la politica della divisa di un solo tipo” ha scritto Demirtas nella sua lettera, ” Non accetteremo i tentativi del governo di convertire in un regime fascista attraverso uno stato di emergenza ininterrotto e un sistema di decreti legge.”

Demirtas si è ulteriormente lamentato del deterioramento del potere delle istituzioni civili e della minaccia che l’epurazione in corso ha avuto sullo stato di diritto in Turchia.

“Le condizioni dell’indipendenza giudiziaria e di un giusto processo, che sono già state abolite, sono state trasformate in una completa illegalità che si manifesta in questa politica dell’uniforme di tipo singolo” ha scritto Demirtas in una lettera che ha condivisa dall’account del social media ufficiale di HDP.
“Ma non non accetteremo mai questo disonore che equipara decine di migliaia di detenuti politici con coloro che hanno tentato di condurre il colpo di stato del 15 luglio” recita la lettera.

Demirtas ha anche affermato che il sistema giudiziario della Turchia è pieno di incongruenze.

” Il sistema giudiziario della Turchia premia gli stupratori riducendo le loro condanne persino per indossare una cravatta in tribunale” ha scritto, “Ma decine decine di migliaia di dignitosi figli del popolo, giornalisti, politici di opposizione e accademici saranno costretti ad indossare un uniforme di tipo singolo. Noi proteggeremo l’onore della nostra gente”

Questa non è nè l’America nè Abu Ghraibù

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, Ghraibù ha difeso la scelta dell’uniforme singola, citando la decisione da parte degli Stati Uniti di attuare pratiche simili nelle sue stesse carceri, compresa Guantanamo. “Questo non è esclusivo della Turchia”, ha affermato Erdogan, ” Gli Stati Unito lo praticano [anche]. Affermando che questa pratica è una risposta ai familiari delle vittime, Erdogan ha cercato anche di mettere in evidenza il precedente stabilito dagli Stati Uniti: “Posso anche dire: hanno persino imposto uno stile di vita in cui i prigionieri indossano uniformi identiche a Guantanamo”.

In risposta a queste dichiarazioni Demirtas ha risposto alla lettera condannando le uniformi di tipo singolo. ” Permetteteci di ricordare la resistenza delle carceri di Diyarbakir, Mamak, Metris, Umraniye, Ulucanlar a coloro che ci ricordano Guantanamo”, ha scritto. La Turchia non è l’America nè Abu Ghraib, ha concluso Demirtas.

 

The Region

 

* Durante la guerra in Iraq che è iniziata nel marzo 2003, il personale degli Stati Uniti e l’Agenzia centrale dei servizi informativi, avevano commesso una serie di violzioni dei diritti umani nei confronti dei detenuti nel carcere di Abu Ghraib in Iraq. Queste violazioni hanno compreso abusi fisici e sessuali, la tortura, lo stupro, la sodomia e l’omicidio. Gli abusi erano giunti ad un ampia opinione pubblica internazionale con la pbblicazione delle fotografie degli abusi da parte della CBS nell’Aprile del 2014.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Sono passati 14 anni dall’omicidio di Ceylan Önkol, il cui corpo smembrato era avvolto in foglie di quercia. Anche se i responsabili di Ceylan...

Turchia

Il segretario organizzativo dell’Unione dell’Istruzione Tahir Çetin, che ha affermato che il governo impone la sua ideologia nazionalista, religiosa e sessista ai bambini, ha...

Diritti umani

Nonostante la sentenza contraria della Corte costituzionale turca, la polizia di Istanbul ha nuovamente attaccato il raduno delle Madri del sabato in piazza Galatasaray....

Diritti umani

Sulla base di false accuse da parte delle autorità turche, Mehmet Dizin, che vive in Germania dal 1980, è stato arrestato mentre era in...