Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

L’AKP organizza gruppi nella regione curda camuffati da associazioni

L’AKP ha incominciato ad organizzare “bande di civili” nella regione curda. In questo contesto le associazioni  ” Cuori Ottomani” e “Patrioti di Van” hano giurato fedeltà ad  Erdoğan e hanno iniziato a operare. Il governo della Turchia dell’AKP che ha vietato la lingua curda nelle città curde e ha dato i nomi alle vie come ” Figli turchi” e ” Bandiera” sta cercando adesso di ottenere un risultato attraverso  strutture paramilitari che ha creato.

In questo ambito, l’associazione”Patrioti di Van”è stata fondata nel centro di Van e “Cuori Ottomani” nel distretto di Ercis. Decine di giovani che si sono riuniti in queste “associazioni” hanno fatto giuramento alla fedeltà ad Erdogan con le mani su una bara e su una bandiera turca. Tali pratiche sono destinate ad essere condotte sugli arabi di Siirt,sugli azeri e sulle popolazioni della regione del Mar Nero che vivono a Van.

Ancora, è emerso che le comunità citate che hanno vissuto con i curdi in pace per lunghi anni non hanno mostrato interesse in tali strutture, che pertanto stanno cercando di attrarre studenti universitari, dipendenti pubblici e figli dei funzionari di polizia e dei militari provenienti dalle città occidentali della Turchia che vivono nella regione curda.

Deputato di HDP: L’esercito del palazzo viene innalzato

Parlando in merito delle strutture citate che sono state create, il deputato di HDP a Van Lezgin Botan ha richiamato l’attenzione sul paradigma del governo dell’AKP nel creare polarizzazione e ostilità nella società che etichetta come nemico chi non sostiene l’AKP e Erdogan come nemico. Secondo Botan, questa eventualità intende far confrontare le persone con diversi punti di vista gli uni con gli altri.

“La verità è espressa dai giovani che giurano sulla bara e sulla bandiera, che in effetti rappresenta un caso veramente pericoloso in quanto queste persone vengono condizionate di conseguenza. Specialmente nella situazione attuale nella regione, viene vista come lo Stato che costituisce nuove forze di riserva. Queste persone travestite da civili rappresentano l’esercito del palazzo. Questi rappresentano sforzi per disseminare la mentalità dell’AKP nella società separatamente dalle forze dell’ordine ufficiali. Queste persone vengono posizionate in tutte le sfere della vita.
Questi non sono incidenti ordinari e creano grandi pericoli “.

Botan ha osservato che le cosiddette associazioni e strutture sono organizzate contro una vasta gamma di gruppi sociali che non sostengono l’AKP; cioè le donne , i curdi ed i militanti di sinistra.
Ha osservato che queste strutture stanno usando sensibilità etiche e religiose e differenti dentità culturali, sessuali e confessionali.

Il deputato di HDP ha chiesto consapevolezza contro tali organizzazioni che poi si trasformano in strutture come la mafia evidenziando che: “Queste organizzazioni sono funzionali a sporchi piani. L’obiettivo è reclutare combattenti. Migliaia di giovani sono stati inviati in Siria per sostenere i gruppi jihadisti. E sappiamo che innumerevoli giovani sono tenuti in alcuni dormitori e utilizzati per operazioni sporche a Van e a Diyarbaki. Lo Stato ha già forze ufficiali. Qualsiasi struttura al di fuori di esse è illegale e non le accettiamo. I giovani che vengono usati contro la politica democratica potrebbero avere conseguenze terribili “.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...