Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

226 donne uccise in 6 mesi in Turchia

Secondo il rapporto sul femminicidio della Fondazione Umut, 226 donne sono state assassinate in Turchia in soli 6 mesi di quest’anno. Il rapporto afferma: ” Di questi casi di assassinio 201 donne e membri di famiglia sono state uccise. 81 donne e membri di famiglia sono rimaste ferite. Dei 31 mariti che hanno cercato di commettere suicidio dopo aver assassinato  la moglie , 22 sono morte.”

La fondazione ha dichiarato che il numero delle donne assassinate aumenta giorno dopo giorno, e ha evidenziato che a causa della diminuzione della qualità dell’educazione nella società, gli atti di violenza e di stupro rimangono impuniti e i molestatori vengono prosciolti su ordine del tribunale, di conseguenza la violenza contro le donne sperimenta di  un aumento alle stelle.

Il rapporto afferma anche: “A riguardo della religione, della lingua, e dell’etnia, condanniamo l’uccisione delle donne non importa dove in questo mondo”, ed e stata avanzata la richiesta di perseguire severamente gli autori per prevenire che accadano simili assassini.”

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...