Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Opinioni e analisi

Progetti delle donne in amministrazione forzata

Bakur/Kurdistan del nord– Dopo che i co-sindaci del Partito Democratico delle Regioni (DBP) di Payîzawa (Gürpınar), Yıldız Çetin e Zeki Yıldız come molti loro colleghi sono stati destituiti – conseguenza dello stato di emergenza (OHAL), proclamato in Turchia – Osman Doğramacı è stato nominato come fiduciario di Payîzawa per l’amministrazione forzata. Uno dei suoi primi atti ufficiali si è rivolto contro i progetti delle donne. Sono stati chiusi. Tra le organizzazioni colpite c’è anche la cooperativa di donne XAWESOR che è stata fondata quando il municipio era occupato da co-sindaci eletti del DBP. XAWESOR ora è stata chiusa e acquisita. L’arredamento e le macchine della cooperativa di donne XAWESOR ormai l’ha messa a disposizione del KADEM e del Sosyal Dayanışma Vakfı (Fondazione per il Sostegno Sociale). Nel contesto è interessante che nella presidenza di KADEM sieda niente po’ po’ di meno che la figlia del Presidente turco Sümeyye Erdoğan. Handan Karakoyun, componente del consiglio distrettuale del DBP, si è mostrata inorridita da questo modo di procedere ed ha annunciato di voler valutare tutte le vie legali per mettere fine a questa vicenda.

È noto che in Turchia le donne, se non sono figlie del Presidente, hanno molta difficoltà a trovare un‘occupazione. La cooperativa di donne XAWESOR è stata fondata per risolvere una piccola parte del problema. Il municipio, quando era ancora guidato dai sindaci eletti, ha sostenuto l’impresa della cooperativa di donne mettendo a disposizione dei locali. Le donne stesse con grande fatica si occuparono dell’arredamento, delle macchine, ecc., come riferisce Handan Karakoyun. Nella cooperativa le donne tessevano tappeti, producevano detersivo in polvere, Yufka (una specie di piadina molto sottile) e pasta integrale. Preparavano conserve di verdura e lavoravano con i tessuti. ” Un mese fa abbiamo presentato richiesta per la consegna die macchinari e del mobilio“, spiega Handan Karakoyun, ma ora in un colloquio con l’amministratore fiduciario hanno saputo che vuole mettere “le attrezzature a disposizione di KADEM e Sosyal Dayanışma Vakfı (Fondazione per il Sostegno Sociale)– almeno durante il mese di digiuno del Ramadan.“ Handan Karakoyun è inorridita dallo scandalo perché le attrezzature sono delle donne della cooperativa e non del municipio. Le donne stesse avevano comprato le macchine, di proprietà del municipio sono solo le mura nelle quali aveva sede la cooperativa. Le donne nel frattempo si sono rivolte a un avvocato.

Ma la cooperativa di donne XAWESOR non è la prima vittima dell’amministratore fiduciario Osman Doğramacı. Ha chiuso anche una serie di altri progetti di donne, tra cui una libreria, un forno, un centro per la salute, un asilo e una casa della cultura. Anche un centro antiviolenza è stato chiuso da lui. Anche questo è stato poi consegnato a KADEM e quindi alla figlia di Erdoğan. Mentre la figlia di Erdoğan fa lavorare con attrezzature altrui, i co-sindaci che hanno sostenuto i progetti delle donne per via del loro impegno a favore della popolazione si trovano in carcere.

Pubblicato da ISKU Informationsstelle Kurdistan e.V.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...