Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Colpo alla sinistra: La polizia turca arresta centinaia di attivisti di organizzazioni socialiste

Lunedì scorso unità speciali della polizia turca e dei servizi segreti MIT hanno eseguito diverse centinaia di perquisizioni domiciliari indirizzate soprattutto contro attivisti di organizzazioni di sinistra e curde. L’agenzia stampa statale Anadolu ha riferito di oltre 230 arresti. Il baricentro dei raid, secondo quanto riferito era nelle città di Istanbul, Izmir, Adana e Van, ma anche in altre parti del Paese ci sono stati arresti. Solo a Istanbul sarebbero state arrestate oltre 130 persone, così il portale Internet Diken. Altri 34 sospettati sarebbero ancora ricercati.

Secondo informazioni dell’agenzia stampa socialista ETHA che ha pubblicato una lista con i nomi degli arrestati, le azioni di polizia si sono orientate in prevalenza contro politici locali del Partito Democratico dei Popoli (HDP) filo-curdo, la sua organizzazione sorella attiva a livello comunale, Partito Democratico delle Regioni (DBP), contro il Congresso Democratico dei Popoli (HDK) e contro il movimento delle donne curde (TJA). Inoltre sono stati colpiti il Partito della Rifondazione Socialista (SYKP) e la Federazione delle Organizzazioni Giovanili Socialiste (SGDF). Già domenica erano stati arrestati nove componenti del SGDF e del Partito Socialista degli Oppressi (ESP), così ETHA.

L’agenzia stampa DHA ha riferito che l’operazione di polizia sarebbe avvenuta miratamente prima del 15 febbraio, anniversario dell’arresto e della deportazione di Abdullah Öcalan. Il fondatore e presidente del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) nel 1999 è stato rapito in Kenia e portato in Turchia e da allora si trova in carcere. Secondo DHA la polizia accusa gli arrestati di far parte del PKK e di aver pianificato per il 15 febbraio azioni militanti contro le forze di sicurezza turche e istituzioni dello Stato. Prove in questo senso per ora non sono state prodotte nell’ambito delle operazioni di polizia su ampia scala. Sono state sequestrate solo due pistole e un fucile e le relative munizioni. Inoltre, secondo DHA, sono stati confiscati documenti con i quali si intenderebbe dimostrare collegamenti degli arrestati con il PKK.

Secondo una dichiarazione del Ministro degli Interni turco, dal 6 febbraio sono state condotte 250 operazioni contro presunti sostenitori e membri del PKK in cui sarebbero state arrestate oltre 520 persone. Inoltre nello stesso lasso di tempo ci sarebbero stati 45 arresti per presunta appartenenza all’organizzazione terroristica »Stato Islamico« e 792 per contatti con l’organizzazione del predicatore islamico Fetullah Gülen e il suo movimento »Hizmet«.

La vice-capogruppo dell’HDP, Filiz Kerestecioglu, ha condannato le azioni della polizia. »Ogni giorno ci sono nuovi arresti contro il nostro partito perché con il nostro coraggio e il nostro impegno diciamo alla gente la verità«, così la deputata. Ritiene che la vera motivazione dei radi sia il tentativo di intimidire l’opposizione che fa appello a votare »No« al referendum costituzionale previsto per il prossimo 16 aprile e con questo contro la dittatura presidenziale pianificata dal capo dello Stato Recep Tayyip Erdogan. »Andremo alle urne voteremo dappertutto per dire No. E il risultato del referendum sarà No«, ha affermato Filiz Kerestecioglu mostrandosi decisa a non rinunciare alla lotta.

di Kevin Hoffmann, Istanbul

Junge Welt

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...